domenica 24 luglio 2016

DR SCHOLL




Quelli del bar di Sa' Cogone 

- vi ricordate raga' i dr. Scholl?
- come no, silenziosi come un cavallo  col pepe al culo...
- ma poi chi è dr. Scholl, sai quanti soldi che si è fatto 'sto dr. Scholl
- secondo me non esiste...
- ... non esiste? Io me lo immagino con una moglie con la faccia da zoccola...
- ... questa la mettiamo su Facebook raga'
-  io una volta li usai per accendere un falò e non si bruciarono... Tutto si bruciò, pure un portone, ma i Dr. School stavano là, intatti...
- cazzo di Dr. Scholl...
- secondo me è il marito della Merkel...
- chi se li compra più ora, qualche vecchio nostalgico...

....
.....
......

- ehm, buongiorno. Non fanno più tanto rumore.

giovedì 21 luglio 2016

BIBLIOTERAPIA | Consigli di lettura


Quest'anno ho tenuto una serie di incontri di Libroterapia da gennaio a giugno alla biblioteca Nicolini di Roma. Una bellissima esperienza, con lettori appassionati con i quali ho condiviso le mie letture. Ecco ora, dopo l'attestato di lettore contagioso, la parola a Federica Tarquini che ci suggerisce un romanzo che ha come protagonista un... biblioterapista. Sul  blog spazio alle recensioni.

Grazie Federica! 



          LA  LETTRICE SCOMPARSA


 


 

“La lettrice scomparsa” di Fabio Stassi, Sellerio Editore, è un giallo da non perdere per gli amanti del genere, ma anche per coloro che non possono fare a meno dei libri, e credono nel loro potere terapeutico. Il protagonista vive tormenti esistenziali, problemi economici, ed è afflitto dalla difficoltà di trovare la propria strada; difficile, dunque, non immedesimarsi con lui, insegnante di lettere che, in realtà, una strada ce l’aveva, costruita negli anni con uno studio appassionato e costante, suggellato dalle specializzazioni. Dopo vent’anni d’insegnamento, però,perde il lavoro e deve reinventarsi. Le sue ancore di salvezza sono la letteratura e la musica eattraverso la prima, decide di cimentarsi in una nuova professione, quella debiblioterapista: figura che cura i malesseri dell’anima con i libri. Quest’avventura s’intreccia con la scomparsa di una donna, apparentemente sparita nel nulla, a cui il protagonista si appassiona al punto da volerla ritrovare. Fa da sfondo alla storia una Roma misteriosa, vista sotto una luce inedita. Alla fine del romanzo, da cui dispiace separsisi trovano i consigli letterari suggeriti dal biblioterapista ai suoi “pazienti”.

 

 

Federica Tarquini


martedì 5 luglio 2016

ADDIO AL POETA DEL TEVERE

Valentino Zeichen 


Se la linea
della tua vita
nella mano
ti pare breve,
allungala con la matita
e chissà? che l’innesto
non riesca.

Poesie di avviamento, da Aria di rigore

LA MAPPA DELLE STORIE INVISIBILI: Roma, Fontana delle tartarughe

Stasera una storia invisibile è apparsa alla Fontana delle tartarughe... buon ascolto, se passate di là. E, a proposito, salutatemi Serafina.