Passa ai contenuti principali

DELLA TRISTEZZA E ALTRE BREZZE



Da dove viene 
questa tristezza?
Dal fiore caduto 
sulla mia mano.
Lieve carezza.

***


Vivo tra due età
quella lieve dei figli
quella grave dei padri: 
questo Paese ignora 
i bisogni degli uni e degli altri
di me ignora i sogni.





***



Mio figlio mi chiede di fare 
i biscotti. Il profumo 
farà passare la febbre.
La fiducia nel profumo buono 
in una stanza nel mondo.
Sciolgo il burro e chiedo al  cuore 
di impastarsi alla terra 
con queste dita infantili.





***


Penso al silenzio delle tre di notte
quei respiri lievi  dietro alle porte
sottile la pelle - non più parete.
E il corpo che s'illumina al buio
dentro scorre lo stesso fiume.
Un organo suona nelle cavità della cattedrale.



***

Il sole sarebbe crudele
ecco cade una pioggia lieve 
se fossi dio toglierei 
la primavera agli assassini


***


Cerco parole chiare nella mia notte
nel buio sorge lieve 
la luce di sillabe 
sepolte nella  neve.





***

i paesi vuoti mi riempiono di tristezza
io sto bene a Roma 
con il fiato dell'umanità sul collo


***

Aspetto il vento
Sotto un ciliegio in fiore.
La bellezza è improvvisa.



***

a volte mi ferisce  una piuma 
voglio un'armatura di vento


***

Ecco il vento, è raro. Da qualche parte un albero ha lasciato andare  le ultime foglie. Davanti a me si solleva un vortice. Lo attraverso, ci entro dentro. 
Una donna che da anni non esce di casa va alla finestra, controlla che l'uragano non soffi via il mondo. Sul viso il terrore del nulla. Non si accorge di quei vestiti sul filo che asciutti le chiedono aiuto.


***

il dolore improvviso del bianco
buca la neve un fiore


***


di una candela
che silenziosa trema
mi scalda la fiamma


***


Me ne sono venuta qua
ad ascoltare l'acqua un minuto 
ho il cuore muto
ogni urlo del mondo mi uccide un poco.


***


Sempre scorgo
un lago tra le parole
l'oscurità profonda 
tra mille suoni.


***


Penso a mio padre
le mani sporche 
le unghia nere
non avere vergogna, diceva, 
il lavoro che sporca le mani 
lascia il cuore puro


***

Non se ne va mai la tristezza 
è un vento leggero sul cuore
di silenzio una brezza




Commenti

Post popolari in questo blog

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…