Passa ai contenuti principali

VIRGO LACTANS OVVERO VIVA LE POPPE

Jean FouquetVergine e il Bambino (particolare), 1452-55



Non so voi, ma io ho allattato i miei figli (due) per un numero complessivo di sei anni. Non so a quante ore di allattamento effettivo corrispondano, ma di certo un numero sufficiente a dire la mia sull'argomento.
In questi giorni la vicenda della neo mamma Louis Burns che, in un ristorante di Londra, viene invitata a coprire il seno con un tovagliolo per non "offendere" i commensali ha fatto discutere molto e di nuovo il mondo si divide in due parti: i pro e i contro le poppe al vento.
Stranamente, si osanna un'attrice sul tappeto rosso con i seni scoperti ma una donna che allatta il bambino non viene considerato uno spettacolo decoroso.
L' hashtag #ostentiousbreastfeeding sta imperversando sui social e forse il giorno ideale per celebrare il seno è arrivato: l'8 dicembre, Festa dell'Immacolata Concezione.
Lo sapete di certo che uno degli appellativi della Madonna è Virgo Lactans.
Leggo e mi strabilia  questa oscena mini-guida all'allattamento in pubblico, in cui si sostiene che i miei seni (e anche i vostri!) siano delle grosse vagine e che posso mostrarle soltanto al mio partner in prossimità dell'accoppiamento.
Per estensione, io sarei una specie di Giocasta che ha offerto per sei anni due laboriose vagine da latte ai poveri figli-Edipo. Una tragedia, per dirla in breve.
Se così fosse dovrei cercare subito la punizione nella camera da letto dove ho splendidamente trascorso indimenticabili ore di tet-in-boc. Ma mi trattengo...
Cerco la salvezza nel solito posto: alzo gli occhi! Ed ecco la visione: Virgo Lactans, dimmi non hai nutrito anche tu al seno il figlio di Dio? E mi rammento di un articolo letto tempo fa in cui si spiega in modo molto conciso quello che è accaduto al seno della Madonna:

The earliest days of Christianity when "the virgin's nursing breast, the lactating virgin, was the primary symbol of God's love for humanity." In fact, the oldest known image of the Virgin Mary is from a third-century fresco in a Roman catacomb that shows the infant Jesus suckling at her exposed breast. From those early traces, the motif of "Maria Lactans," as it is called in Latin, became increasingly popular -- and increasingly graphic -- an illustration of what the Catholic writer Sandra Miesel called "the shocking fleshiness of our faith." By the Middle Ages, the breast-feeding Mary was shown in every possible context, and "lactation miracles" and "milk shrines" proliferated across the Christian world. Mary was "the wet-nurse of salvation," as one phrase had it, offering holy succor to communities exposed to the vagaries of war and disease. Some images of St. Bernard of Clairvaux even show him kneeling in prayer before a statue of Mary, who is squirting breast milk onto his eager lips. (QUI L'ARTICOLO)
Cosa aggiungere? Riportiamo i bei quadri della Maria Lactans nelle Chiese questo Natale e, magari, anche in quel ristorante londinese.  E per chi sceglie il Presepe  si potrebbe persino pensare a una Maria che allatta al seno. Un auspicabile, meraviglioso miracolo di Natale.
Libro suggerito:
Margaret Miles, "A Complex Delight: The Secularization of the Breast, 1350-1750," un libro che parla della scomparsa della Vergine che allatta al seno dopo il Rinascimento. 

Per saperne di più sull'affascinante Vergine del dipinto vi suggerisco:

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…