Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2014

TRADUZIONE & FOTOGRAFIA

SULLE PANCHINE

Continua su Finzioni Magazine.

LE PRIME STORIE DELLA CASA DELLA PAESOLOGIA

A quanto pare è tutto pronto per l'apertura della Casa della paesologia. In questi mesi ci sono state tante adesioni da ogni parte d'Italia. In attesa dell'apertura ufficiale, prevista per l'8 dicembre, la casa della paesologia si riempie di oggetti e di  storie. Ho raccolto queste immagini e storie per voi, dalla pagina Facebook.


L'idea della casa di Trevico è che si crei un luogo in cui ci si possa incontrare, per scelta o per serendipity, o un rifugio in cui stare, e creare e coltivare delle relazioni costruite, più che su una comunanza di identità o di interessi, sulla capacità di fidarsi degli altri. Fiducia come premessa, piuttosto che come tortuoso risultato di un percorso conoscitivo e di misurazione dell'altro. L'idea è che su questa fiducia si crei una "staffetta affettiva" nell'uso di questo luogo, in cui non si cercherà solo di stare e di consumare al meglio il tempo che ciascuno proverà a vivere lì, ma anche di contribuire a produ…

BOOKNBENCH, UN LIBRO E UNA PANCHINA

Cosa sono le panchine? Cosa dicono di noi? Le panchine sono le più belle isole democratiche di questo pianeta. Avrete sentito parlare delle  panchine letterarie di Londra: da Dickens a Oscar Wilde, celebrano la letteratura e hanno "invaso" la città. Fra pochi giorni verranno messe all'asta per finanziare nuovi progetti letterari. E noi, che non abbiamo finanziamenti ma amiamo i libri, ce la facciamo da soli una panchina-libro.
Mi sono detta perché ogni scuola, ogni condominio, ogni quartiere non si costruisce una panchina. E' quello che faremo a Roma, per cominciare ne metteremo una accanto alla prima Little Free Library nel Bosco di Calvino.
Con l'entusiasmo dei miei studenti e l'aiuto di tanti amici ce la faremo. Vi racconterò tutto minuto per minuto. 



Abbiamo scelto lo scrittore che terrà a battesimo la nostra panchina: sarà Beppe Sebaste, l'autore del solo libro sulle panchine: Beppe Sebaste, Panchine - come uscire dal mondo senza uscirne , Contromano, 2…

ANCORA LIBERAMENTE LITTLE FREE LIBRARY

Auguri! 


Ciao Giovanna,
un'altra giornata splendida con la inaugurazione di 
"LiberaMente", così chiamata la nuova Little Free  Library sempre a Diano San 
Pietro, in borgata Colla. E siamo alla terza.
Se guardi "manifestazione e cultura di diano san pietro" (pag.fb.) Ci vedrai 
indaffarati per montarla e la festa, e la torta,..tutto andato per il meglio!
Un abbraccio sincero
fenoglio silvia

LA PANCHINA, METTERE I LIBRI AL CENTRO DELL'UNIVERSO

La panchina è l’ultimo simbolo di un qualcosa che non si compra, di un modo gratuito di trascorrere il tempo e di mostrarsi in pubblico, di abitare la città. La panchina è il margine del mondo, vacanza di chi non va in vacanza, ma anche il posto ideale per osservare quello che accade: ovunque sia è il centro dell’universo. BEPPE SEBASTE


MI MANDA RAI TRE | INTERVISTA LITTLE FREE LIBRARY

In questa puntata di Manda Rai Tre si parla di libri. Io parlo della Little Free Library (ultimi minuti del programma) di Roma, la prima in Italia.



Rai Replay

APPUNTAMENTI | ROMA DICE NO

ROMA 25 NOVEMBRE – INCURSIONE POETICA CONTRO IL FEMMINICIDIO LA POESIA PER DIRE NO AL FEMMINICIDIO
Incursioni poetiche “pacifiche” per dire NO AL FEMMINICIDIO. A Roma il Lieo Eugenio Montale, del Municipio XI, ha scelto di dire NO AL FEMMINICIDIO con una lettura corale di poesia martedì 25 novembre dalle 10 alle 12.
Studenti,insegnanti e poeti si alterneranno nella lettura poetica. L’iniziativa è realizzata dall’Assessorato alle Politiche Educative e Scolastiche del Municipio XI d’intesa con la Commissione delle Elette ed in collaborazione con l’Associazione Libra 2.0 . Presenti le poete Monica Maggi, Giovanna Iorio e Sandra Giuliani. Ore 10.00
Liceo Eugenio Montale
Via Ettore Paladini 6
Roma

APPUNTAMENTI | AGENDA ORLANDO

Un mio aforisma nell' AGENDA ORLANDO 2015 che sarà presentata lunedì 1 dicembre ore 18,30 a Roma presso il CIRCUS (Via della Vetrina, 15).  Si può trovare l'agenda anche presso la Fiera di Più Libri Più Liberi che si svolgerà a Roma tra il 4 e l'8 dicembre.

APPUNTAMENTI | VOLTI SULL'ACQUA

L'AMICIZIA AI TEMPI DI FACCIA BUC | AMICIZIE LAMPO

APPUNTAMENTI | MADRE STREGA

"Ma siete sicuri che vi volete perdere le voci donne delle più brave poetesse del panorama romano e non? L'ironia pungente e poetica di Stefania Di Lino, la forza e la bellezza di Dona Amati, il fascino e la magìa della stupenda Alessia D'Errigo, le sculture della strabiliante Silvia Faieta che renderà il nostro palco degno dei più grandi teatri, la leggerezza apparente ma profonda di Giovanna Iorio, il mistero di Angela Botta, la preparazione intrigante di Maria Carla Trapani, la giovane voce di Agnese Monaco, e che ve lo dico a fare il viaggio che sempre compio ascoltando Ksenja Laginja? Donatella D'Angelo sarà con noi, con la sua voce e le sue fotografie regalandoci un pezzo della sua vita che per ora abbiamo solo intuito attraverso la sua mirabile opera. E Cinzia Marulli Ramadori con la sua poesia di classe, e Manuela Minelli che personalmente non vedo l'ora di scoprire con voi! Poi ci incanterà Nina Maroccolo, e credetemi ascoltarla è un'esperienza vera, …

MI MANDA RAI TRE

Giovedì 20 novembre dalle 10:00 alle 11:00 una mia intervista su Rai Tre. Io parlo di Little Free Library. Scoprirete anche la Biblioteca condominiale di via G. da Castelbolognese, 30 zona Porta Portese. I libri uniscono le persone!  Guarda la puntata in Replay.

LITTLE FREE LIBRARY E BIBLIOTECHE DI CONDOMINIO

C'è un posto speciale nel cuore di Roma. Una Biblioteca condominiale! Loredana Grassi  è la coordinatrice di una biblioteca condominiale a Roma, via G. da Castelbolognese, 30 zona Porta Portese.
Grazie ai libri nel cortile di questo codominio è nata una comunità. La LFL è stata inaugurata il 21 settembre 2014. Le riunioni di condominio si sono trasformate in occasioni di incontro e scambio. Presto saranno sulla mappa ufficiale delle LFL. Bravi! A giugno ci sarà una grande festa, e io ci sarò! 

ROMANI | LA FACCIA

GLI ARTISTI DI UN PONTE DI LIBRI PER GAZA

PASSEGGIATA INVERNALE: LE FOTO

Un articolo di Francesco Gargaglia su Vigna Clara Blog qui.










Gli haiku scritti durante la passeggiata li potete leggere sul mio profilo Twitter   #passeggiatainvernale 

#passeggiatainvernale#haiku si è aperto il cielo/l'odore della pioggia/nelle narici pic.twitter.com/L9C3RslBOc — Giovanna Iorio (@giovannaiorio96) 16 Novembre 2014


#passeggiatainvernale#haiku ora è arrossito/sotto il cielo invernale/il biancospino pic.twitter.com/o7mmzw7Gsd — Giovanna Iorio (@giovannaiorio96)

PASSEGGIATA INVERNALE: HAIKU E ACQUERELLI

L'album e gli haiku della mattinata li trovate nel link: https://twitter.com/hashtag/passeggiatainvernale?src=hash
 “Amici di lettura e di leggerezze” e il Comitato “Robin Hood”, con il patrocinio dell’Ente Parco di Veio, organizzano una passeggiata all’interno dell’Inviolatella Borghese. Facile e della durata di circa 1 ora, avrà inizio alle 10; l’appuntamento è in Via dell’Inviolatella Borghese, all’inizio di via Cassia Nuova.. Al termine della passeggiata, nella nuova area attrezzata chi vorrà potrà comporre insieme a Giovanna Iorio degli “Haiku” mentre gli appassionati di pittura potranno realizzare un acquerello alla maniera degli “urban sketchers”. Gli “Haiku”, nati in Giappone nel XVII secolo, sono dei componimenti brevi composti di tre versi: “Lo haiku è una poesia dai toni semplici, senza alcun titolo traendo la sua forza dalle suggestioni della natura nelle diverse stagioni…..il soggetto dell’haiku è spesso una scena rapida ed intensa che descrive la natura ....” (Wikipedia…

IL VAGABONDO DELLA STORIA

Ma che sta succedendo? Mi hanno detto che la mia faccia è finita sulla copertina del libro di John Fante.  Forse è il mio destino. Mi chiamano il "Vagabondo della Storia". Vi ricordate di quello che accadde con le mie memorie? Plagio. Era il romanzo While England sleeps (Mentre l' Inghilterra dorme), del giovane Leavitt. Io ero vecchio ma non rimbambito. Quanto mi divertii a sputtanarlo. La Viking e Levitt poi smentirono e facemmo un braccio di ferro, ma durò solo cinque mesi.  Prima di finire in tribunale, accettarono di ritirare il romanzo dalle librerie e di non pubblicarlo nei tascabili, nonché di pagare le spese legali.  Quanto mi divertii però. Il caso fu clamoroso. Ha un solo antecedente: quello di Jacob Epstein, che al suo infelice debutto nell' 80 plagio' Martin Amis, e fu costretto a distruggere il libro e a scomparire.  Leavitt e While England sleeps invece divennero "l'affare Spender". Il plagio fece la loro fortuna, almeno sul piano comme…

LA VOCE DEL RUPINARO

Testo e foto di Luca Pittaluga
Abito di fianco al torrente Rupinaro dal 2006 e devo ammetterlo: non me lo sono mai cagato più di tanto. Sapevo che nel 2002 era esondato ma non ero ancora di Chiavari e quasi protetto dal menefreghismo involontario, non ci badi, non ci pensi o peggio pensi: a me non accade.
Ho visto, ho sentito ho odorato. Il rumore della pioggia incomincia ad essere sovrastato dal frastuono del moto ondoso dell'acqua che ci scorre dentro. Poi il livello si alza ma alla fine cosa vuoi che sia, non ci credi, non credi che tu possa assistere a disastri come via Ferreggiano. Allora con un occhio all'ipad e uno alla finestra, quasi di nascosto dai famigliari, monitori se si alza, se il "dirimpettaio", così silenzioso in tutti questi anni, si sta svegliando. In effetti il torrente non scorre più ma corre.
Va beh un po' di meteo me ne intendo e so che non è finita. Piove forte e lo farà ancora per molto.
Beh prima cosa ti viene in mente di spostare la m…

CREATIVITA' | UN CONCORSO

OSSI DI SEPPIA E PICCIONI

Lo sapete, non ho memoria. Tutto quello che non scrivo scompare. Qualche giorno fa , il 31 ottobre, mi è successa una cosa strana. Ve la voglio raccontare, altrimenti me ne dimentico e poi sarà come se non fosse mai accaduta.
Il 31 ottobre ero triste e così ho portato i miei studenti a fare lezione sul prato.
Ero triste, perché... Perché si.
Ho preso con me un libro di poesie, Montale. Ho detto, ora vi leggerò una poesia da "Ossi di seppia". Volevo dimostrare ai miei studenti che leggere una poesia fa tornare vivi, il mondo muto comincia a parlare e tutto brilla. Io soprattutto ne avevo bisogno.Vi mostro come si fa a far tornare viva una foglia secca, ho detto.
Ho cominciato a leggere una poesia da Ossi di seppia. Ai miei studenti ho chiesto di raccogliere le foglie secche e di sbriciolarle, di lanciarle in aria, quando lo desideravano, mentre leggevo.
La stessa poesia, l'abbiamo letta tutti. Sempre la stessa, ma ogni volta cambiavamo la modalità dell'ascolto: in pi…

UN PICCOLO GRANDE FORTE FRAGILE EDITORE