Passa ai contenuti principali

NON AVEVO VOGLIA DI ESSERE ME | LETTURE E MUSICHE




Esistono davvero gli altri? Esiste altra gente? Esistono anime che non sono la "mia" anima, coscienze estranee alla "mia" coscienza? Se nessuno ammette davvero la reale esistenza di un'altra persona può ammettere che tale persona sia viva, che pensi e senta come lui? Chi sono gli atri?  


NON AVEVO VOGLIA DI ESSERE ME

La performance s'intitola "Non avevo voglia di essere me". Insieme, per la prima volta, GIOVANNA IORIO e SANDRO ABRUZZESE accompagnati dai musicisti storici del Notturno Concertante LUCIO LAZZARUOLO e RAFFAELE VILLANOVA.

GIOVANNA IORIO
Legge dalle raccolte Mare Nostrum, In-Chiostro e Le dodici pietre.


Giovanna Iorio


Nata ad Avellino, vive a Roma. Scrittrice e traduttrice.
Da qualche anno collabora con Lucio Lazzaruolo alla realizzazione di radiodrammi per Radio Rai 3.
Tra le raccolte di poesia ricordiamo La memoria dell’acqua (Ghaleb Editore); Mare Nostrum (CFR); In-chiostro (PRIMO PREMIO L'INEDITO DELLA CASA EDITRICE Delta 3); Al cappero piace soffrire (Progetto Cultura); Una Venere nel Tevere (CFR); La/crime/ndays (CFR); Due raccolte smarrite (ebookLaRecherche.it). E' redattore di Finzioni e autrice di racconti per Storiebrevi.it (Feltrinelli). Ha un blog molto seguito, Amici di Letture e di Leggerezza.

SANDRO ABRUZZESE, blogger, è l'autore del progetto RACCONTIVIANDANTI.  Collabora con la rivista on line di reportage e viaggi erodoto108 e col quotidiano on line ferraraitalia

Legge alcuni suoi racconti tratti da LETTERE SETTENTRIONALI, racconti brevi in cui i protagonisti hanno in comune la partenza, il ritorno, o il rimanere in un luogo per i motivi più disparati: politica, amore, lavoro, sogni, speranze, sconfitte e tanto altro.


Sandro Abbruzzese

LETTERE SETTENTRIONALI è una sezione composta da racconti brevi in cui i protagonisti hanno in comune la partenza, il ritorno, o il rimanere in un luogo per i motivi più disparati: politica, amore, lavoro, sogni, speranze, sconfitte e tanto altro.

 

NOTTURNO CONCERTANTE

Ad accompagnare le letture di Giovanna Iorio e Sandro Abruzzese ci sono i componenti storici del Notturno Concertante: Raffaele Villanova cantante e chitarrista e Lucio Lazzaruolo chitarre e tastiere. Il Notturno Concertante ha all’attivo sei cd, il più recente dei quali si intitola Canzoni allo specchio (distribuito in Europa dall’Egea Records)

Dal 1994 Lucio Lazzaruolo e Raffaele Villanova compongono musiche che sonostate utilizzate da Rai International, Raiuno,Canale 5 e da RadioTre Rai. In oltre hanno composto le musiche per il cortometraggio “Con i miei occhi” del regista bolognese Giorgio Diritti.

 


Lucio Lazzaruolo
Raffaele Villanova



Dal 1994 Lucio Lazzaruolo e Raffaele Villanova compongono musiche che sono utilizzate da Rai International nei documentari della serie Radici (in onda su Raisat), da Raiuno (per la P.T. Productions) e da Canale 5 (La clinica degli animali). Inoltre hanno composto parte della colonna sonora del film “Natale rubato”con Patrizio Rispo.

NEL CORSO DELLA PERFORMANCE
Videoproiezione "Frammenti di un profilo" - un  progetto fotografico di Filippo Basetti.



FILIPPO BASETTI è nato a Pistoia nel 1975, si occupa di arti visive.
Fotografo, Videomaker e artista. Ha partecipato a numerose collettive, mostre personali e ha all’attivo riconoscimenti nel campo dei cortometraggi e video. Il suo lavoro è incentrato, oramai da anni, sulla decontestualizzazione e sulla trasformazione dei luoghi.

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…