Passa ai contenuti principali

I MONOLOGHI DELLE COSE | LE INTERVISTE: IL VENTILATORE DA SOFFITTO



D - Se per lei va bene sono qui per farle un'intervista. Posso?
R - Un momento che mi girano le pale… Ecco, la velocità 2 va meglio. Si accomodi pure. Davanti a me, su questa bella sdraio.
D - Grazie. Comodissima questa sedia. Quante velocità ha?
R -  Ne ho 4, ma non gliela faccio vedere la numero 4 altrimenti quel bel vestito glielo strappo di dosso.
D -  Si, abbiamo tutti una velocità 4 che non possiamo usare… 
R -  E chi ha detto che io non la uso? Ogni momento ha la sua velocità ideale… serve anche la numero 4.
D - Mi racconti qualcosa di lei, come passa l'inverno ad esempio? 
R - D'inverno smetto di girare e me ne sto sul soffitto come un mulino senza vento. E' piuttosto noioso, lo ammetto. Ma ho un modo di passare il tempo. Rileggo i miei libri preferiti. Quando nessuno se ne accorge mi riaccendo e giro lentamente le pagine dei libri sugli scaffali. 
D - Lei legge? Anzi, rilegge pure? E quale libro ha letto più volte.
R - Capisco che sia sorpresa, ma mi creda ci sono più ignoranti tra i suoi simili che tra i miei. Io ho girato tanto. So più cose di quelle che crede. Mai fidarsi delle apparenze. Tornando al libro che ho riletto tante volte. E' Il Don Chisciotte. Un libro strabiliante. Lo conosco a memoria!
D - Questa, mi permetta, per me è una scoperta incredibile! Me lo provi, mi dica qualche passaggio del libro.
R - "Ed ecco intanto scoprirsi da trenta o quaranta mulini da vento, che si trovavano in quella campagna; e tosto che don Chisciotte li vide, disse al suo scudiere: «La fortuna va guidando le cose nostre meglio che noi non oseremmo desiderare. Vedi là, amico Sancio, come si vengono manifestando trenta, o poco più smisurati giganti? Io penso di azzuffarmi con essi, e levandoli di vita cominciare ad arricchirmi colle loro spoglie; perciocché questa è guerra onorata, ed è un servire Iddio il togliere dalla faccia della terra sì trista semente. — Dove, sono i giganti? disse Sancio Pancia. — Quelli che vedi laggiù, rispose il padrone, con quelle braccia sì lunghe, che taluno d'essi le ha come di due leghe. — Guardi bene la signoria vostra, soggiunse Sancio, che quelli che colà si discoprono non sono altrimenti giganti, ma mulini da vento, e quelle che le paiono braccia sono le pale delle ruote, che percosse dal vento, fanno girare la macina del mulino. — Ben si conosce, disse don Chisciotte, che non sei pratico di avventure; quelli sono giganti, e se ne temi, fatti in disparte e mettiti in orazione mentre io vado ad entrar con essi in fiera e disugual tenzone. ---- devo continuare?
D - Sono senza parole. Lo conosce tutto a memoria?
R - Sono un ventilatore piuttosto anziano, ho trentacinque anni. Me  ne sto fermo sugli scaffali 8 mesi all'anno. Devo pure passarlo il tempo, non crede. Ho provato tanti passatempo. Ma girare le pagine di nascosto alla velocità 1 è la cosa più rilassante del mondo. Sono diventato così bravo che nella stanza non se ne accorge nessuno. Al massimo chiudono la porta. Pensano ad uno spiffero di aria
D- Meraviglioso! Mi dica ancora una cosa (scusi potrebbe girare alla velocità 3 comincia a fare un po' caldo!) volevo sapere se le sarebbe piaciuto essere un altro oggetto. In altre parole se è felice di essere un ventilatore da soffitto.
R - E' una domanda difficile. Non so se la parola felice mi si addice. Io sono un apparecchio utile e inutile allo stesso tempo. Però ho una storia. I miei antenati vengono dall'India. Sono un discendente di Punkah che nel linguaggio Hindi significa grande ventaglio. Sarei felice se la gente non mi trattasse come uno schiavo e si chiedesse da dove vengo.
D - Molto affascinante. 
R -  Ovviamente in passato eravamo un sistema manuale: avevamo noi dei servi, i Punkawallah. Azionavano il grande ventaglio tirando delle corde avanti e indietro. Le corde erano collegate alle foglie, molto grandi, di una pianta. La Palmyra. 
D - E' una storia incredibile!
R - Il tempo degli schiavi è triste e sempre attuale. Il mondo non cambia. Gli schiavi si. 
D- C'è qualcuno o qualcosa che odia?
R - I condizionatori d'aria. Se ci penso mi viene un freddo proprio qui, in mezzo al cuore.
D - Sbaglio o ha detto cuore?
R - Le metafore le sappiamo fare anche noi ventilatori.
D - Ventilatori- poeti!
R - Perché no, ho visto di peggio. Poeti- ventilatori.
D - Lei sa davvero più di quello che avevo immaginato. Ora la lascio girare in pace, grazie per questa bella intervista.
R - Grazie a lei, è stata una bella chiacchierata. Si alzi… le faccio un saluto speciale.
D - Caspita!!!!!
R - Ha delle belle gambe! Vede, la velocità 4 non serve solo a strapparli di dosso i vestiti. 
D - Anche galante... Vado ...Via col vento!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…