Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Aprile, 2014

BOSCO DI CALVINO... IL GIORNO E' VICINO!

DISCENDENTI PROFUMATI

Quanto sono intelligenti i fiori! E pure simpatici. Vorrei tanto discendere da questa "scimmia". L'altra si evolve lentamente (e non profuma).

LA PIOGGIA BREVE

A volte piove 
solo per i fiori che stanno per strada 
vicino alle croci
dura poco 
è la pioggia breve 
come un singhiozzo.

(da "La pioggia breve" raccolta inedita)

A CHI SERVONO I POETI?

Di tanto in tanto fa bene rileggere i giornali. Parlo degli articoli che sembrano sempre attuali, come quello di Jorge Luis Borges sul New York Times, dell'8 maggio 1971.
Lo metto qui, in inglese.



May 8, 1971 Who Needs Poets? By JORGE LUIS BORGEShe poet’s trade, the writer’s trade, is a strange one. Chesterton said: “Only one thing is needful--everything.” To a writer this everything is more than an encompassing word; it is literal. It stands for the chief, for the essential, human experiences. For example, a writer needs loneliness, and he gets his share of it. He needs love, and he gets shared and also unshared love. He needs friendship. In fact, he needs the universe. To be a writer is, in a sense, to be day-dreamer--to be living a kind of double life.
I published my first book, “Fervor de Buenos Aires” way back in 1923. This book was not in praise of Buenos Aires; rather, I tried to express the way I felt about my city. I know that I then stood in need of many things, for thou…

IL BOSCO DI CALVINO: LA MAPPA

Ecco il cartello che illustra al pubblico i sentieri del BOSCO DI CALVINO. È un piccolo capolavoro questa mappa, opera di Francesco Gargaglia, ideatore insieme a Sara Cracco (e me) del primo parco romano dedicato a Italo Calvino.
Inaugurazione il 24 maggio! Presto il programma con qualche sorpresa per i più piccoli.


TEARS & LANDAYS: LA\CRIME\NDAYS

Topography of tears è un progetto dell'artista americana Rose-Lynn Fisher. 
L'immagine che fa da copertina al mio ultimo libro "La\crime\ndays (CFR, 2014) è una delle meravigliose lacrime di Rose-Lynn e s'intitola: "Tears for those who yearns for liberation", una lacrima per chi sogna la libertà. 
Grazie Rose-Lynn Fisher per questa meravigliosa fotografia.
Il mio libro di landai dedicato alle donne che subiscono violenza lo potete trovare sul sito dell'editore CFR. Grazie a tutti i miei lettori. 


UN POMERIGGIO DI VENTO

ROMANI | CAPELLI CORTISSIMI

Ancora un racconto nella rubrica "Romani". S'intitola "Capelli cortissimi". Per voi su Roma&Roma.


L'UOMO DI PIETRA

Un mio racconto uscito sul Corriere della Sera


L'uomo di pietra
Elena s’innamorò di lui a prima vista. Una sera, a casa di amici, lo vide e subito le sembrò una divinità in mezzo ai comuni mortali. S’innamorò di David e quella sera stessa lo seguì a casa sua.
Qualcuno provò a metterla in guardia mentre lasciavano la festa, mano nella mano. Un’amica le disse: “Elena, stai attenta. David è un uomo di pietra.”
Ma fu un colpo di fulmine. E David era bellissimo. Quella notte Elena, stringendosi a lui, sentì il peso di una montagna sul petto. Per un istante, non riuscì a respirare. Diede la colpa all’emozione e all’alcool e non ci pensò più.
Dopo due settimane di cene a lume di candela e appassionati incontri in camera da letto, Elena accettò l’invito di David e si trasferì a casa sua. Era una villa antichissima, piena di mobili raffinati e oggetti d’antiquariato. Le abitudini quotidiane di Elena non subirono cambiamenti; tutti i giorni andava alla Galleria d’Arte Moderna, dove lavorava da …

PORTICI DI CARTA PER SANT JORDI

POESIA DELL'ATTESA

non esistono solo i gabbiani

eppure oggi ci sono soltanto loro
e un cielo grigio che pare un muro
e gridano e non si consolano

nel becco un pezzo di pane
rubato a un bambino.



ECCO VENTIDUE NUOVI ALBERI NEL BOSCO DI CALVINO

Oggi abbiamo piantato ventidue alberelli. Cresceranno forti, come i bambini che li hanno piantati. E' stato molto bello vedere la collaborazione tra studenti del liceo e alunni delle elementari. Questo parco, dedicato a Italo Calvino, è più vivo, leggero e verde!
L'inaugurazione del Bosco di Calvino è prevista il 24 maggio. Vi terrò aggiornati.

























UNA DOMENICA A ROMA | IL BIOPARCO QUATTRO ANNI DOPO

Stamattina mi sono svegliata con un'idea in testa: portare i bambini al Bioparco.  Tempo fa scrissi di una strana domenica allo zoo  con la famiglia (in realtà ne ho scritto più volte) ma in quella occasione fui piuttosto delusa, fu una giornata assurda.
Molte cose sono cambiate e sono pronta a raccontarvi una domenica completamente diversa. Sono passati quattro anni. Questi i cambiamenti: i bambini sono cresciuti; alle Casse ci sono i numerini (come dal dottore); si può prenotare per dar da mangiare agli animali; ci sono nuovi e interessanti padiglioni (Crimini & Animali, Farfalle e insetti); il personale è aumentato e sorride; il Rettilario è incluso nel prezzo (e il caimano è stato assegnato ai servizi sociali con i vecchi serpenti e coccodrilli).



Soprattutto, ed ecco la notizia incredibile, il passaggio che obbligava a uscire dal Bioparco attraverso il negozio di souvenir e giocattoli NON C'E' PIU'!
Mi sono commossa! Hanno esaudito il mio desiderio! Non immaginate…

NEL CUORE DI ROMA SU RADIO RAI 3

Domani su Radio Rai 3 nel Programma Il Cantiere la trilogia: NEL CUORE DI ROMA. Musiche di Notturno Concertante, regia di Lucio Lazzaruolo. Le voci sono delle attrici Angela Caterina, Chiara Mazza e Grazia D'Arienzo.

La puntata si può ascoltare in questo link. "Nel cuore di Roma" occupa la seconda parte del programma dal minuto 23esimo circa in poi. Fatemi sapere se lo avete ascoltato.

ROMANI | L'UOMO CURVO

LA LUCE ACCESA NELLA STANZA

io ti lascerei
dormire sul mio cuore

questa non è una poesia d'amore
non ti spaventare
tremi quando comincio a cantare
ma non ci sono versi
se non vado a capo
tu ascolta mentre dormi

posso continuare?
volevo dirti solo
che la notte ti somiglia
è vera è nera
ha le tue ciglia.

TRE HAIKU BLU

La barca a vela Ha capito tutto: va Nel verso giusto.
***
Ognuno prende  Quello che può dal giorno.  Io prendo il sole.

***
Siamo talmente Semplici al sole. Come pietre immobili.

MONOLOGHI DELLE COSE | INTERVISTA A UN TAVOLO

Intervista ad un tavolo rettangolare.



R: Anche lei qui per appoggiarsi?
D: No, grazie. Sono qui per farle un'intervista.
R: Lei è … ?
D: Una donna… curiosa.
R: Piacere, tavolo… rettangolare. Cos'è un'intervista?
D: Domande. Per conoscere qualcuno… qualcosa.
R: Perché vuole conoscere qualcuno… qualcosa?
D: E' nella mia natura.
R: Nella mia natura rami, foglie, radici. La incuriosisce?
D: Si. Molto. Lei è nato in un bosco. E' stato tagliato. E' passato dal regno vegetale a quello degli oggetti inanimati. M'incuriosisce molto.
R: Dopo le interviste cosa succede?
D: Dopo l'intervista ognuno per la sua strada...
R: Noi tavoli diciamo, ognuno nella sua stanza...
D: Come è il suo rapporto con gli oggetti, lei che un tempo era animato?
R: Questi? Sedie scomode, quadri notturni, un tappeto che crede nella reincarnazione, due lampade non illuminate, libri in crisi d'identità:  ebookso non ebooks.
D: I libri! Li legge?
R: Li reggo. Mi piacciono quelli di un c…

LAMPI

Tutto ad un tratto voglio mia figlia.
Stare abbracciata alla sua meraviglia.

***


La poesia è cieca
Sceglie il suo cane
Per attraversare la strada.






Questo cantare imperfetto
che sfugge al gran divieto: siamo un coro d'angeli scacciati
e tu che canti forte
hai conosciuto i frutti

proibiti.

ALTRE NARRAZIONI | ETERNI RITORNI

ROMA AND ROMA | UNA NUVOLA IN GARAGE

Ieri era una giornata piena di nuvolette rosa, ed era anche il primo Aprile. Su Roma & Roma è uscita una delle mie storie invisibili "Una nuvola in garage". Parla di un cirrostrato piccolo che vive in un garage. Potete leggerla ed ascoltarla cliccando sull'immagine.
Ma da domani, qui a Roma, le nuvole saranno anche in mostra. Nelle Sale Espositive a Palazzo della Cancelleria si apre la mostra fotografica di Myra Bonifazi dal titolo appunto “Le Nuvole”. Trentanove fotografie inedite, ordinate in nuclei tematici e dedicate principalmente a Roma, ai suoi cieli infuocati, ai suoi paesaggi urbani, ai cieli puri. Qui le foto.

MONOLOGHI DELLE COSE | LE INTERVISTE, IL BIDET

Intervista a un bidè che crede alle favole.

D: Salve! Mi scusi, sono letteralmente corsa da lei ad intervistarla perché avevo letto che vogliono eliminarla!
R: L'ho sentito dire. C'è ancora speranza?
D: No, credo di no. A lei piacerebbe fare il vaso di fiori? Aspetti... non risponda. Ora le faccio l'intervista che ho preparato. Me lo dice dopo!
R: D'accordo. Non parlo mai con nessuno, mi fa piacere.
D: Lei è un tipo taciturno?
R: In realtà no, però avere un cesso come interlocutore non è il massimo ...
D: Intende il vaso sanitario?
R: Chi?
D: Ehm... Mi dica, qual è il momento della giornata che ama di più?
R: La notte. Penso, penso, penso. Mi fa compagnia l'acqua nei tubi. Gorgoglia.
D: Un bidè che pensa! E cosa pensa un bidè?
R: Ultimamente penso alla Sirenetta.
D: La favola?
R: Si. Mi commuove. Mi piace tanto.
D: Cosa le piace di quella favola?
R: Le gambe. Anche io vorrei le gambe.
D: Tempo fa le avevate le gambe.
R: Si, lo so. L'evoluzione. Ho sentito che voi avevate la coda…