ODISSEA


Sunset, G. Iorio


si è spaventato perfino un cane
vedendomi aprire
nella notte la finestra
un buco nel cielo un bruco nella mela  

avrei voluto

                                                   urlare
                          al ladro al ladro
ma avevo solo il vuoto
nella voce
verso l'ignoto            

             sono volata allora - lieve
è la caduta abbracciata ad una voce (perfino
il cane ha smesso di abbaiare muto)

che meraviglia una creatura
che vola il sole
      nell'ala un foro
il sole lo riempie come un faro-

ho lasciato il letto come si lasciano le fiamme
di un incendio per questo mare- ricordalo

quando mi vedrai sfiorare
il palmo di una mano - il buio
che s'illumina.


(g.i.)




Commenti

Post più popolari