Passa ai contenuti principali

I MONOLOGHI DELLE COSE | LE INTERVISTE

PIEDI, ®Giovanna Iorio


Intervista a Leone delle Fiandre, calzino spaiato.


D: Il suo nome?
R: … Leone delle Fiandre. 
D: Piacere!
R: Il piacere è mio. 
D: Possiamo cominciare?
R: Certo, sono pronto. La prima domanda?
D: Quali sono i suoi primi ricordi?
R: Mia madre e mio padre non li ho mai conosciuti. Avevo un fratello, gemello, ci siamo persi. Ha mai sentito parlare dei "desaparecidos"? 
D: Una storia molto triste.
R: Spariscono nel nulla e non se ne sa più niente. Noi spaiati ci chiediamo sempre: "Perché è toccato a lui? Perché non hanno preso me?" 
D: Mi dispiace averla turbata. Passiamo alla seconda domanda? La sua scarpa preferita?
R: Quella da ginnastica è la peggiore. Molti di noi non ce la fanno. La chiamiamo "la camera a gas".
D: Cosa mi dice della lavatrice? 
R: Quella mi piace! Da ra-calzino volevo fare l'astronauta! Poi mi dissero che nello spazio non portano calzini! Una grande delusione...
D: Che rapporto ha con il piede?
R: Non vedo un piede da tanto tempo. Sto nel cassetto e attendo. A volte qualcuno mi indossa lo stesso, con un altro calzino. Ho sentito dire da una vecchia mutanda che faremo tutti una brutta fine. Non so cosa mi aspetti...
D: L'odore dei piedi, se lo ricorda?
R: Un calzino si tappa il naso e fa il suo dovere, quando è un vero calzino. 
D: E i buchi?
R: Ne ho avuto solo uno, è stata un'esperienza particolare. Mi guardavano tutti, non facevano che indicare il mio buco. Vedevano solo quello. 
D: La capisco.
R: Anche lei ha un buco?
D: Ne ho diversi… Ma, mi dica, si è mai innamorato?
R: Una volta sola. 
D: Le va di raccontare?
R: Non c'è molto da dire. L'estate scorsa sono rimasto in un cassetto al mare accanto a un costume giallo. Parlavamo tanto, parlavamo di tutto. Lei aveva da poco perso il pezzo di sopra. Era solare, timida. Ci siamo innamorati subito. Poi un giorno, hanno ritrovato il reggiseno. Vennero a prenderla e la portarono via. Non l'ho più rivista.
D: Bella storia. Sintetico.
R: No, veramente sono di cotone.
D: Mi riferivo al filo della vicenda...
R: Non perdo mai il filo, è vero. Nei cassetti, al buio, per passare il tempo ci mettiamo a raccontare storie. Siamo tutti molto intimi.
D: Lo immagino. Ora vado. Le auguro buona fortuna. 
R: Aspetti, mi faccia vedere… Anche lei porta calzini spaiati!
D: Ehm, si! Sa, al buio... Ho preso quello che capitava.
R: Se mi vuole, vengo volentieri con lei. 
D: Non ho niente in contrario. Venga, la metto in borsa!
R: Brava. Sa come diciamo noi? Meglio un giorno con Leone delle Fiandre che cento senza! 
D: Lei è proprio un simpaticone. Andiamo, la porto a casa mia!

®giovannaiorio

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…