APPARIZIONE


Cancello senza casa, by G. Iorio



sollevare il velo alle cose
sulla corteccia di un tavolo il fiore bianco
di plastica - nel cortile si scioglie la neve
sul sasso appuntito si ferma l'acqua

un tempo il nero se ne stava negli occhi
tra i capelli c'era un fiore smunto
un papavero stanco di quelli
che il vento strapazza

mi dispiace non essere mai entrata nella tua stanza
c'è un salotto consunto pieno
di poltrone divani sedie spaiate
una sala d'attesa di oggetti malati di tempo

sfiorisce la parete - la carta fiorita tu sfiori con le lunghe dita
bisogna toccare il freddo del muro con la guancia
cercare la fragile appuntita speranza di un chiodo

frugare piccole e luminose fessure nel tempo
come se ci  fosse un tempio
tra le crepe - si allarga la danza di un ragno.

(g.i.)



Commenti

Post più popolari