LE VOLPI E I BAMBINI




Ho bisogno di ricordare
I giorni fermi sotto la neve
Le parole sbriciolate nel becco degli uccelli
L'aria piena di ali

I rami spezzati dal peso del bianco
Cadevano senza fare rumore come segnali muti.

Allora le volpi uscivano dalle tane
In cerca dei nostri occhi come se fosse questo vedersi improvviso l'unico cibo.

Un istante di neve poi il buio rotolava giù nella valle
come una frana.

Sulla fiamma intorno al camino mettevamo le calze bagnate
le scarpe sporche 
di neve. Tornava la voce dopo
Il vapore.

Lasciavamo al buio la neve e il silenzio 
Riempiva le impronte
Delle corse nei campi 

Il bianco dentro ai nostri passi che continuavano a correre 
per tutta la notte 
insieme alle volpi.

Commenti

Post più popolari