LA NUDITA' DEI FIORI






Uomo alla deriva


Sulle labbra le tue labbra
sulla pelle la tua pelle
sulla lingua la tua lingua
sulla voce la tua voce

non avresti dovuto
tuffarti nel mio sangue
nuotarmi sotto la pelle
rincorrermi come un pesce
seguirmi fino alla foce.

Ora trattieni il respiro
il mare aperto ti attende
il mio corpo è una zattera
aggrappati e galleggia

sulla labbra le mie labbra
sulla pelle la mia pelle
sulla lingua la mia lingua
sulla voce la mia voce

arriva l' onda
ti lascerà sulla spiaggia
uomo alla deriva.



Questa è una mia poesia, contenuta nell'antologia erotica "La nudità dei fiori- L'Erudita, Giulio Perrone  2013)
L'antologia viene presentata oggi al Beba do Samba, Via dei Messapi, 8 Roma, ore 18:30. Chi vive a Roma e abita da quelle parti potrebbe fare un salto a sbirciare...


Commenti

Post più popolari