FACEBOOK... UNTIL THE END OF TIME





Quelli che scrivono e leggono su facebook. 

Quelli che scrivono e non leggono su facebook. 

Quello che non scrivono ma leggono su facebook.

Quello che non scrivono e non leggono su facebook.

Quelli che facebook credono sia una seduta spiritica. 

Quelli che facebook credono sia un gruppo di alcolisti anonimi.

Quelli che dicono addio su facebook e poi ritornano.

Quelli che si incazzano su facebook e poi perdonano.

Quelli che non vanno più in chiesa e cercano dio su facebook.

Quelli che scelgono il martirio di faceboook.

Quelli che se lo leggi su facebook è vero.

Quelli che se lo leggi su facebook non è vero.

Quello che s'innamorano della foto di un profilo.

Quelli che odiano la foto di un profilo.

Quelli che aggiungono un posto a tavola per gli amici di facebook.

Quelli che fanno assaggiare i dolci agli amici di facebook.

Quelli che parlano solo di sè e quelli che parlano solo degli altri.

Quello che si confessano su facebook.

Quelli che ascoltano le confessioni.

Quelli che uccidono.

Quelli che resuscitano.

Quelli che non ti mettono i like perché they like you.

Quelli che ti mettono i like perché they hate you.

Quelli che ti invitano agli eventi e se ci vai smettono di invitarti.

Quelli che non ti hanno invitatoo agli eventi e se non ci vai si chiedono come mai.

Quelli che gli eventi se li inventano.

Quelli che con facebook hanno scoperto il dono dell'invisibilità.

Quelli che con facebook sono diventati ubiqui.

Quelli che con facebook si sono ritrovati uni e trini.

Quelli che con facebook sono spariti.



E poi i guardoni, i perversi, gli sciocchi, i perbene, i buoni, gli assassini, i santi, le puttane, gli 

studenti, i professori, le casalinghe, gli avvocati, i disoccupati, i poeti laureati, i poeti appena nati. 


... To be continued until the end of time!

Commenti

Post più popolari