Passa ai contenuti principali

LE STRADE DELLA CULTURA | IL PROGRAMMA



Cari Amici di Letture e di Leggerezza, settembre è il mese ideale per visitare l'Irpinia. L'8 settembre 163 poeti si incontreranno a Le strade della cultura, un evento organizzato dal poeta Domenico Cipriano. Ecco qualche informazione sull'evento, da Irpinia News:
"
LE STRADE DELLA CULTURA è una manifestazione organizzata dall’Associazione NovaPolis, con la collaborazione del Comune di Guardia Lombardi, della Biblioteca Comunale Associata UNLA e di alcune associazioni presenti sul territorio dell’Alta Irpinia. La rassegna è alla sua quinta edizione. Nata come le “Strade della poesia”, negli ultimi anni si è ampliata con altre importanti discipline come la scienza, l’antropologia, la narrativa diventando così le “Strade della cultura”. Il tema trattato quest’anno è l’Aria, che chiude definitivamente il ciclo dei quattro elementi essenziali, aria, acqua, terra e fuoco; gli ultimi tre hanno animato il dibattito delle precedenti edizioni. Con il tema dell’aria discuteremo di ambiente e di inquinamento, un argomento di stringente attualità che nel futuro può condizionare e influenzare il corso della vita sul globo. Il forte inquinamento sta determinando significativi cambiamenti climatici con influenze nefaste sull’ecosistema. Per la salvaguardia dell’ambiente è necessario favorire, oltre a politiche mirate, anche la crescita di una nuova sensibilità ambientale con il significativo contributo della poesia. 
La settimana dal 3 all’8 settembre sarà ricca di dibattiti che animeranno il suggestivo Borgo dell’Alta Irpinia." (Irpinia News)


POESIE IN MOSTRA

163 poesie di autori contemporanei
La mostra delle poesie sarà esposta da sabato pomeriggio 7 settembre (ore 16,30) a domenica 8 settembre (ore 15,00). Il percorso è libero. Le poesie sono raccolte nel catalogo: “Le strade della poesia: poesie dell’Aria”. Durante l’intera manifestazione sarà possibile visitare il Museo della Tecnologia, della Cultura e della Civiltà Contadina dell’Alta Irpinia, sito nel Centro Storico. Al termine degli incontri, la Cooperativa “Il Germoglio” offrirà vino e taralli. Domenica mattina, durante le letture, saranno offerti cornetti e caffè a cura del Bar Vittoria.

Presso il Punto Informativo sarà disponibile il catalogo “Le Strade della Poesia: L’Aria” (edizioni Delta 3, Grottaminarda, 2013 – per contatti: tel. 0825.426151).
Le 163 poesie esposte a “Le Strade della Poesia: L’Aria” sono di:
Antonio Alleva, Domenico Alvino, Dora Celeste Amato, Maria Carolina Amirante, Marco Annicchiarico, Luca Ariano, Flavia Balsamo, Federico Barbieri, Raffaele Barbieri, Teresa Bello Colella, Francesco Belluomini, Luca Benassi, Maria Teresa, Bertolotto Adriani, Anna Laura Bobbi, Anita Buono, Gaetano Calabrese, Caterina Camporesi, Federico Capuozzo, Cosimo Caputo, Barbara Carle, Paolo Carlucci, Anna Carniero, Carmine Cataldo, Maria Alessandra Celentano, Tiziana Cera Rosco, Pino Chisari, Anna Cimicata, Massimo Ciotta, Domenico Cipriano, Rino Cipriano, Anna Ciufo, Manuel Cohen, Floriana Coppola, Gaetano Coppola, Davide Cortese, Anna Corvese, Fabio Dainotti, Antonio D'alessio, Vincenzo D'alessio, Wanda D'alessio, Salvatore D'ambrosio, Maria Stella D'amico, Gianluca D'andrea, Caterina Davinio, Carla De Angelis, Candido De Franchi, Paola De Lorenzo Ronca, Carmine De Masi, Gabriele De Masi, Prisco De Vivo, Marco Degli Agosti (Ed Warner), Mariarosaria Del Guercio, Raffaele Della Fera, Giovanni Della Ragione, Pasquale Della Ragione, Nunzio Di Bernardo, Giuda Di Biasi, Leandro Di Donato, Rosaria Di Donato, Graziella Di Grezia, Francesco Di Sibio, Stelvio Di Spigno, Emanuele Di Tommaso, Pompilio Dottore, Germana Duca, Maria Stella Eisenberg, Enrico Fagnano, Francesco Filia, Luigi Fontanella, Franco Frainetti, Ivaldo Franceschini, Monia Gaita, Anna Gialanella, Mafalda Gialanella, Nino Gialanella, Licia Giaquinto, Antonio Gizzo, Antonietta Gnerre, Franco Gordano, Bianca Granisso, Carmine Grasso, Nicolina Grasso, Gianfilippo Gravino, Salvatore Grieco, Antonio Vittorio Guarino, Maria Adele Gubitosi, Iago, Giovanna Iorio, Giuseppe Iuliano, Letizia Leone, Giuseppina Lesa, Dario Lodi, Eugenio Lucrezi, Maria Rosaria Luongo, Rossella Luongo, Monia Mariani, Maria Cristina Marra, Mariagrazia Martina, Piero Mastroberardino, Marianunzia Masullo, Italo Medda, Francesca Messinese, Vera Mocella, Giorgio Moio, Alberto Mori, Luciano Nota, Maria Rosa Oneto, Maria Antonietta Oppo, Marialaura Orlando, Rita Pacilio, Claudio Paesano, Franca Palmieri, Domenico Palumbo, Aida Panaro, Giuseppe Panella, Gerarda Pascarella, Maria Pascarella, Erminia Passannanti, Carlo Pastore, Adriana Pedicini, Plinio Perilli, Giovanni Pistoia, Aurelio Popoli, Ivan Pozzoni, Alessandro Ramberti, Enzo Rega, Anna Maria Renna, Flavia Ricucci, Vincenzo Rizzuto, Antonella Rossello, Maria Angela Rossi, Enea Roversi, Domenico Ruggiero, Federica Russo, Nina Sacco, Salvatore Salvatore, Linda Santojanni, Armando Saveriano, Raffaele Scarpellino, Silvia Secco, Evaristo Seghetta Andreoli, Salvatore Sibilio, Marisa Sica, Angelo Siciliano, Giuseppe Silvestri, Luciano Somma, Erasmo Sorice, Agostina Spagnuolo, Antonio Spagnuolo, Caterina Sparagana, Sergio Spena, Victoria Surliuga, Luisa Taiani, Liliana Ugolini, Raffaele Urraro, Nicola Vacca, Elena Varriale, Michele Vespasiano, Giuseppe Vetromile, Antonio Vitolo, Michela Zanarella, Gerarda Zarra, Angela Ziviello.

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…