LA VETRATA

Marguerite Huré nel suo atelier



e poi un giorno
la foglia mi toccherà la spalla
il ramo mi verrà a cercare
il vetro si romperà
il frastuono mi ferirà la carne

imparerò dall'eucalipto 
a sciogliere i capelli prima della pioggia
a lasciare libere le braccia
come i vestiti che s'asciugano al vento
a dondolare 

e poi il giardino 
tornerà immobile e io andrò a cercare 
le mattonelle di vetro tra le siepi
le porterò in un grembiule all'ultima artigiana
le chiederò senza parole 
di ricomporre la mia vetrata.



Commenti

Post più popolari