lunedì 10 giugno 2013

LA FONDERIA



le parole si sono raffreddate e ora
posso toccarle

getti e fusioni
forme transitorie e permanenti
la mia voce è terra
da fonderia

il corpo leggermente inclinato
le portate d'anima
dove i versi sono
pensiero liquido

nella cassa d'anima
restano le tracce
del passaggio di stato

con gli errori e la fuoriuscita
da guscio e conchiglia

questo brillare incandescente
ora si muta

è forma.
(g.i.)




Nessun commento:

Posta un commento

LA MAPPA DELLE STORIE INVISIBILI: Roma, Fontana delle tartarughe

Stasera una storia invisibile è apparsa alla Fontana delle tartarughe... buon ascolto, se passate di là. E, a proposito, salutatemi Serafina...