Passa ai contenuti principali

LE LITTLE FREE LIBRARY A CAVALLINO

ROMA, LA PRIMA LITTLE FREE LIBRARY D'ITALIA


Cari amici di Letture, che vi dicevo? Le buone idee sono contagiose (non solo le cattive!). In occasione del “Maggio dei libri” le Little Free Library giungeranno anche a Cavallino, in provincia di Lecce. 
Riporto la notizia dalla pagina facebook di Pala Bisconti, che qualche settimana fa mi aveva contattata per alcuni dettagli del suo splendido progetto. Ecco quello che scrive:


"Se vi capita di vedere per le strade del paese delle piccole casette di legno non esitate ad avvicinarvi, prendete pure un libro, portatelo nelle vostre case, leggetelo e riconsegnatelo con l’intento di riprenderne un altro ancora. L’iniziativa nasce dal bisogno di condividere realmente e non in modo virtuale la gioia di leggere e di confrontarsi con l’intera comunità. In un’epoca in cui il web ha preso il sopravvento e l’editoria rischia di morire a causa della forza dirompente della tecnologia moderna pur con i suoi indiscutibili benefici, non possiamo rimanere indifferenti dinanzi alla triste sorte del libro, bene prezioso e insostituibile. Tutti quindi sono chiamati a sostenere questo scambio culturale partendo dalla consapevolezza che leggere è formazione quindi è vita. Può sembrare strano ma l’attività non prevede nessuna forma di lucro: né per l’ideatrice (Paola Bisconti) né per i fruitori, ciascuno può prendere in prestito un libro e restituirlo senza precise scadenze temporali. Per diffondere la cultura bisogna farla circolare e quale mezzo migliore se non attraverso un libro?! Il progetto sostenuto e patrocinato dal Comune di Cavallino sarà avviato mercoledì 8 Maggio. Durante la mattinata, a partire dalle ore 9:00, Paola Bisconti, giornalista e blogger, inaugurerà le mini-biblioteche nei vari edifici scolastici di Cavallino e Castromediano insieme agli alunni dell’Istituto Comprensivo L. Da Vinci. Successivamente le casette saranno collocate dalla promotrice dell’iniziativa nei dintorni della Casina Vernazza, della Villa Comunale e alle spalle dell’ex Convento dei Domenicani mentre a Castromediano saranno disposte in piazza Virgilio Marone e in via della Repubblica, nel largo adiacente alla parrocchia “Mater Ecclesiae”. Su ogni casetta costruita interamente in legno sono affisse due targhette: una riporta il logo originale della rete culturale sulla quale è registrato il numero di matricola in base al quale ci si potrà collegare sulla Google Map e vedere dove si trovano le altre mini-biblioteche. Dall’America all’Africa il movimento è giunto inevitabilmente anche in Europa, in Italia invece oltre a Cavallino finora solo Roma, Trento e Milano hanno aderito alla rete. Su un’altra targhetta apposta sulle pareti laterali dell’originale e insolito arredamento urbano si trova una breve spiegazione della Little Library Free."

A Paola dico bravissima, per aver realizzato questo fantastico progetto e agli amici di Roma ricordo che la prima little free library d'Italia sta per compiere un anno. Per questo speciale primo compleanno sto progettando una piccola festa con studenti, poeti e scrittori. A presto, vi terrò aggiornati!

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…