Passa ai contenuti principali

NOTE DI UNA TWITTRICE INSONNE


Tweet tweet!

  1. Giovanna Iorio ‏@giovannaiorio9616s
    Dei numeri non parlano abbastanza i poeti. Della loro infinita capacità di raccontare all'uomo quel che sfugge alle parole.
  2. Giovanna Iorio ‏@giovannaiorio964m
    Chi dà consigli dovrebbe avere il dono della chiarezza; a spiegare la vita con parole confuse si rischia di fare più danni della vita stessa
  3. Giovanna Iorio ‏@giovannaiorio967m
    Anche io seguo delle regole. Una è particolarmente rigorosa: cercare, quando si scrive, anche nel frastuono la musica.
  4. Giovanna Iorio ‏@giovannaiorio9610m
    Stasera la poesia se ne sta alla larga da me. Sa bene che ho il dente avvelenato e il cuore addolorato.
  5. Giovanna Iorio ‏@giovannaiorio9625m
    Mi sono ricordata una storia vera che mi è stata raccontata: un bambino che scappava via con un sacco di farina rubato. Lasciando una scia.
  6. Giovanna Iorio ‏@giovannaiorio9638m
    Al pronto soccorso ho assistito alla routine del dolore; i medici e gli infermieri vengono aiutati a restare algidi da una lingua asettica.
  7. Giovanna Iorio ‏@giovannaiorio9643m
    Quello che mi spaventa della routine è che tutto diventa routine. Tranne la letteratura, che è un antidoto alla routine del linguaggio.
  8. Non amo i possessivi. Tutte le volte che mi capita di usare "mio" ci ripenso e lo cancello. Le cose, le persone si liberano subito di me.
  9. Tra il dire e il fare c'è di mezzo l'Italia.
  10. La confessione risale all'uomo della caverna. Ad assolverlo dai peccati c'era l'eco.
  11. Io sono pericolosamente sincera. Davanti a dio faccio un figurone. Davanti agli uomini una figuraccia.
  12. Credo nel calore delle parole: quando sono fredde ci metto dentro il fuoco per scaldarle.
  13. A volte mi convinco che l'espressione "passar a miglior vita" voglia dire semplicemente lasciare l'Italia, per sempre.
  14. Se tutti sono fatti a immagine e somiglianza di dio, allora dio non mi piace sempre.
  15. A me piace contare le pecore...nere. Per questo non dormo.
  16. Mi piacerebbe chiedere alla vicina: ma perché odi tanto me e i miei gatti? Sabato dovrò portare i miei gatti in campagna. Per sempre. :(
  17. Non sottovalutate l'asciugacapelli quando volete stare soli. Lo accendo, chiudo gli occhi, e sono nel deserto con lo scirocco.
  18. Il cioccolato è una religione, adoro le divinità al cacao. Alla Sacher ho dedicato un altare. La adoro ma lei scompare troppo presto.

  19. Mi piace twittare i miei pensieri curvi come archi; la necessità di esprimerli in centoquaranta caratteri li raddrizza e diventano frecce.
  20. Il modesto cerca un maestro; l'arrogante un discepolo; il sapiente il suo simile; il saggio non cerca nessuno.

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…