QUATTORDICI PASSIONI






Giornata Internazionale della Donna (8 marzo)

Sabato 9 marzo 2013 alle ore 17
presso il Museo della Città e del Territorio
Via di Porta Marchetta, 2
Vetralla

verrà presentato il libro di

Teresa De Leonardis
14 Passioni
La continua violenza sull'innocenza.
L'ipocrisia e lo sgomento.
Il pietismo, l'ignoranza e la maldicenza.
La violenza della miseria che ti fa volgere lo sguardo altrove.
La violenza nel cadere in un inciampo.
La difesa di quel che ancora si possiede: le mani, il corpo e la voce.
Le violenze sottili, invisibili e celate come la polvere che copre il dolore e solo il perdono rimuove.
Il silenzio per protestare.
Queste ed altre passioni legano insieme le mie donne, ferite profondamente, spinte per terra, e poi rialzate, per ricadere di nuovo.
Donne disperse, in mezzo alla strada, come petali di uno stesso fiore.
Così ne ho raccolto, uno ad uno, questi preziosi petali .
Li ho legati tra loro in un’unica rosa.
Bianca.
Purezza e candore che nessuna violenza e nessuno, mai, potrà sporcare.

In occasione della Giornata Internazionale della Donna, la Casa Editrice Davide Ghaleb, in collaborazione con il Museo della Città e del Territorio (Sistema Museale di Ateneo - UNITUS) presenterà, sabato 9 marzo 2013, alle ore 17, presso il museo, il quarto volume della collana di romanzi denominata "Latitudini", dal titolo 14 Passioni.
Il libro è l'ultima fatica letteraria di Teresa De Leonardis, al suo secondo libro, interprete di un tipo di letteratura che esprime i sentimenti delle persone che rappresentano la nostra società, cioè la gente comune. coloro che sembrano invisibili, ma che in definitiva fanno la micro-storia di questo mondo.
I suoi racconti hanno vinto per ben due volte (2010-2011) il premio " Lune di Primavera" del Comitato Internazionale 8 marzo, e una volta (2009) si è piazzata al secondo posto.
Nella sua biografia di definisce: "fiera delle mie umili origini... di pura razza bastarda".
In questo libro si narrano le vicende di donne, costrette a subire, volontariamente per scelte non proprie, la violenza di una società, spesso rappresentata dall'uomo, che si manifesta ipocrita, maschilista e omofoba.
Le storie raccontate da Teresa De Leonardis, seppur romanzate linguisticamente, sono tutte storie vere appartenenti ad un'Italia degli anni '40-'50.
Teresa De Leonardis riesce con semplicità ed intelligenza letteraria a raccontarci un mondo che sembra appartenere ad un lontano passato, ma che purtroppo, si riaffaccia in continuazione ai giorni d'oggi.
La presentazione verrà introdotta da Elisabetta De Minicis, che dirige il Sistema Museale di Ateneo, seguirà un dibattito condotto da Gabriella Norcia, con la partecipazione dell'autrice Teresa De Leonardis e il dottor Mario Emanuele Maiolini, già Ambasciatore Italiano in Irak, durante il Governo Provvisorio, e in Messico, che ci farà un breveescursus della condizione della donna nei paesi a democrazia limitata.
Seguiranno letture di un brano del libro, "Da qui... almeno vedo il cielo" dalla voce di quattordici donne che intrepreteranno a loro modo il brano dai toni drammatici:


Gabriella Norcia,
Linda Cifaldi,
Elisabetta Capotorti,
Giovanna Iorio
Lucia Bellitto, Vera Anelli
Ilaria Amadei
Onia Patricelli
Michela Marchese
Daniela Costanzi
Bianca Maria Noci
Santa Renna
Flaviana Manetta
A fine presentazione un brindisi di saluto con bruschette, olio e vino di produzione biologica e locale.
Una parte delle vendite del libro verrà destinata all'Associazione "ERINNA, Donne contro la violenza alle Donne".

Commenti

Post più popolari