L'ESILIO

volpe rossa

poesia
mia sola patria
da te non sono esiliata
da tutto il resto allontanata
dalla vita senza vita

tu sei il mio rifugio
tu sei la mia tana
quando la notte mi dà la caccia
e io sono la volpe
rossa nella siepe
dei cacciatori vedo
gli stivali sporchi di fango
la punta del fucile che spara
un buco nel cielo
un soffio di vento nero

poesia
mia sola terra
di verde piena e di torrenti
ai tuoi dolci tormenti
affido la mia voce
di civetta e usignolo nascosti
insieme in un nido solo
intorno il silenzio della notte che si nutre
di foglie cadute e voci rotte

poesia
mia sola madre
al tuo seno cerco il turgore della voce
al tuo capezzolo mi nutro di nascosto
al tuo abbraccio arrivo
come un fiume alla foce
figlia appena nata
infante in fasce eppure vecchia
già esiliata.

(g.i.)






Commenti

Post più popolari