LABBRA ALIENE

Gabriele Basilico



essere orizzontale
sulla panchina arenata
una barca senza vela
dondolare
sentire tra le costole di ferro
la nostalgia del sale
essere tutto e niente
chiudere il silenzio
in una bottiglia
galleggiare nel vuoto

aspettare giorni e millenni
nelle orecchie tese di un gatto
il rumore del tappo
il silenzio versato
in un altro mondo

lasciarsi bere
da labbra aliene
che sanno assaporare
il vuoto.

(g.i.)








Commenti

Post più popolari