IL MARE DAVANTI

Santa Severa, Il castello

Via Aurelia, pini romani

Via Aurelia, Muro del pianto

Stasera potrei aggiungere alle ingiustizie del mondo un'altra piccola ingiustizia che ho subìto soltanto io. Ma non mi va. A che servirebbe? Oggi sono triste perché tutte le volte che vado al mare devo passare davanti allo squallore senza poterci fare nulla. Esattamente come l'anno scorso. E come gli anni prima. Sempre così. L'Aurelia porta al mare. L'Aurelia è costellata di prostitute.  Lo sapete come le chiamano al sud?  Lucciole. L'Aurelia è piena di lucciole.
Lo so che i problemi grossi non li posso risolvere. Lo so che neanche voi li potete risolvere. Come non posso risolvere la fame nel mondo, il riscaldamento globale, lo spread e la pioggia di asteroidi. Devo ancora trovare un filosofo che mi dica con chiarezza cosa significhi la parola coerenza nel XXI secolo. Mettiamo che io desideri più di ogni altra cosa di essere coerente con un'idea di mondo che mi sono immaginata. Mi dovrei comportare tutti i giorni in modo coerente. E invece ogni giorno mi viene concesso di fare una piccola eccezione. E così quel mondo che io ho nella testa, e che vorrei realizzare, lentamente viene cancellato, un po' alla volta, un po' ogni giorno,  come se fosse un disegnino a matita sul foglio stropicciato di un bambino. Un bambino che gioca con la gomma da cancellare, ecco cos'è la coerenza.
A poco a poco devo ridimensionare tutto il mio disegnino: il politico è un ladro? (ferma: lo sono tutti); il petrolio e i gas di scarico inquinano (ferma: in bicicletta dove credi di arrivare a Roma, non arrivi di certo a domani); la prostituzione è una vergogna (ferma: chi chiami? a chi lo denunci; chi ti aiuta?). E potrei andare avanti all'infinito. Di una cosa sono certa, se rinasco rinasco pino romano. Di quelli belli e maestosi che se ne stanno sull'Aurelia a guardare tutto senza muovere una radice, con i cerchi addolorati dentro, ma silenzioso, gli aghi infilati nel cielo, la bocca sotto una spessa corteccia e il mare davanti. Si. Il mare davanti.

Commenti

Post più popolari