Passa ai contenuti principali

TWIT TWIT CARO ASTRONAUTA

Sono felice di vivere nel XXI secolo. Sono felice perché se fossi nel XVI secolo potrei soltanto immaginare una cosa meravigliosa come twittare con un astronauta in missione nello spazio. Nemmeno Ariosto ci avrebbe pensato.
E' quello che sto facendo e mi sembra straordinario. L'astronauta si chiama 
Eccolo, ve lo presento:


Chris Hadfield

Chris Hadfield

@Cmdr_Hadfield

Mission specialist on STS-74 and STS-100. Currently living in space aboard ISS as Flight Engineer on Expedition 34, to be Commander of Expedition 35.
Orbiting Earth on ISS · http://www.asc-csa.gc.ca/eng/default.asp



Collegamento permanente dell'immagine integrata
Foto dalla navicella spaziale di Chris Hadfield
E' straordinario che lui twitti con noi, che ci racconti tutto, che ci mandi le foto, che ci giri intorno. E' straordinario che impieghi 92 minuti a fare il giro del pianeta. Mi viene voglia di andare ogni ora e mezza alla finestra a salutarlo con la mano. E' straordinario quello che vede dall'alto. Da lassù torniamo belli e azzurri. Le luci delle città sono le lucciole. Pasolini, guarda, sono tornate le lucciole!
E' straordinario che la prospettiva cambi grazie a lui.  Qualcuno pensa che siate piccoli esseri umani. A chi importa? Lo siamo tutti da lassù!
Tutto questo è estremamente romantico. Ma Chris Hadfield fa anche ridere. Quando racconta certe storie c'è dal morir dal ridere.
Un esempio?  Qual è secondo voi la domanda più ricorrente? Proprio quella: come si fanno i bisogni senza la gravità? Ecco, ascoltate!



E' incredibile  di quanta gravità abbia bisogno l'escremento. Cioè a dire il vero io l'ho sempre detto, che la merde è grave. Ma lui me ne dà le prove. Lo racconta, con i suoi tweet da uccellino spaziale, ed è fenomenale. Sembra una pagina de I viaggi di Gulliver, il romanzo che ha cambiato la mia prospettiva del mondo.
Allora, ascoltate. Prima di tutto in assenza di gravità, dice, la pipì e la popò dopo che le hai mollate non ti mollano! Continuano a girarti intorno, come farfalle! Ti inseguono e se non ci stai attento finisce... di merda. Per fare i bisogni  ti devi legare alla sedia con delle cinture, altrimenti dopo averla mollata sei tanto leggero che puoi decollare come un razzo! Insomma non sei tu che molli la cacca ma il contrario. E' lei a sparare via te! Tornati leggeri, per evitare sgradevoli odori, gli escrementi vengono estromessi dalla navicella spazieale. Vengono immessi nel vuoto a vagare. Fa freddo, così i germi muoiono e non si causano infezioni. Dopo un po' gli esiliati raggiungeranno l'atmosfera, tenteranno di ritornare sulla Terra. Non vi suona una cosa familiare? Sembra Roma, la politica italiana,  il Parlamento-  Ma nello spazio quello che aspetta gli sterchi che tornano a casa è un  PUF!  Magia! Gli stronzi si disintegrano in un lampo. Proprio come stelle cadenti. .Alla prossima luce che vedremo attraversare il cielo chiediamoci  se sia più corretto dire: esprimi un desiderio o un ... bisogno! Twit Twit twit!!!
Grazie Chris, sei un grande! Ti adoro.

Collegamento permanente dell'immagine integrata

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…