Passa ai contenuti principali

L'ANGELO NERO


Copertina di Victor Braumer, 1947 Il surrealista
Forse il merito della mia miracolosa guarigione (vedi post precedente)  non è solo di Billy Idol, ma anche  de "L'angelo nero" di Antonio Tabucchi.
Dopo aver finito di leggere "Una specie di solitudine", i diari di John Cheever  la solitudine era di nuovo in agguato. Allora ho fatto "chiodo schiaccia chiodo". Dicono che valga per l'amore, e quindi anche per l'amore verso i libri. Prima ho provato con la rilettura di Pasolini. E funziona sempre. Ma lui è il mio chiodo fisso. Più che curare infiamma. Poi ho tentato con Christopher Hitchens - di lui ho una foto con due fagiani in mano, il sorriso da sfida e tre libri meravigliosi. Ma questo libro parlava della sua malattia (un cancro ai polmoni) e s'intitola "Mortality". E' indubbiamente interessante, e lo leggerò, ma di nuovo il mio stato di salute mi rendeva piuttosto sensibile alla sofferenza altrui. Visto il dolore in mezzo alle scapole ho guardato con interesse "L'angelo nero". Che mi stiano crescendo le ali, ho pensato ("Mettiamo che questo dolore tra le scapole sia colpa delle ali...").

Dopo qualche pagina ero completamente rapita. E forse guarita. Questa raccolta di racconti di Tabucchi ha il potere di rendere il male tangibile,  eppure sa redimere, salva. Lo sto ancora leggendo, ma voglio rallentarne la lettura. Stasera vi regalo qualche perla, come il racconto "Notte, mare o distanza". Quattro amici ventenni in una fredda sera di novembre discutono di poesia e bevono vino nella piccola stanza del celebre poeta "ora quasi vecchio, che in gioventù era stato battagliero e feroce, e poi si era piegato suo malgrado agli eventi, alla vita, la ferocia gli si era cambiata in sarcasmo e delle battaglie gli avanzava lo scetticismo di chi ha combattuto le battaglie, le ha perdute e ritiene che sia vano combattere battaglie". Il poeta è un uomo misterioso e si chiama Tadeus, "(e) quando leggeva poesia perdeva la nozione del tempo. Disse: è come quando la scrivo, il tempo fa fssssss, come un pallone che si affloscia, si comincia a vivere in un mondo senza atmosfera, sotto vuoto, anche quando si legge, a voi non fa lo stesso effetto?"
Invece nel racconto successivo, "Staccia buratta", c'è una donna. Ah, quanto mi sembra di conoscerla! "Non sei più giovane, non sei più una ragazza. Si sorrise ancora. Pensò: sei una donna con una storia. Ma com’era questa storia? Che cosa avrebbe scritto se avesse dovuto scrivere la sua storia? Il problema era da dove cominciare. Dove comincia una storia? Pensò che le storie non cominciano, le storie accadono e non hanno un principio". La donna intravede un angelo alle sue spalle mentre tenta di recitare la preghiera dell'infanzia che ha dimenticato "Angelo custode, che sei il mio guardiano...". E' l'unica preghiera che faccio recitare ai miei figli tutte le sere. E naturalmente mi ha toccata.
Se vi ho fatto incuriosire, il libro è pubblicato da Feltrinelli. Ad ogni modo vi lascio alle vostre letture sul comodino, spero che siano poesie, e se non lo sono spero che abbiano il potere di far fare fssssssssssssss al vostro tempo.


Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…