IL ROSA CHE SALVA

Oggi mi voglio impegnare a guardare:   occhi, pupille, cornee e  mitocondri, oltre le membrane limitanti di Bowman e Descernet  Voglio uscire dall'umore acqueo della stanza. Voglio guardare con occhi asciutti e aperti. Il mondo arido e  senza foglie. Sono volate vie, con il vento di notte. Voglio provare a vedere solo il vero: i rami spogli, le strade gelate. L'inverno. Voglio guardare negli occhi l'inverno. La cicatrice del sole sulle cose, le ferite gelate dell'estate sulla città.
Ma qualcuno riesce sempre ad accendere qua e là dei piccoli fuochi.  E i miei occhi tornano liquidi.
Un uomo si arrotola una sigaretta sotto il rosso del semaforo.  Una donna abbraccia il suo cane. Hanno lo stesso cappotto. Tre ragazzi vanno di corsa a prendere l'autobus. E' il 301.
Si apre il maglione rosa di Lana del Rey. Li inghiotte.  L'ultimo a salire,  il più giovane, ha  i capelli neri, sa saltare. Lo vedo sparire nella pelle  rosa di una donna sdraiata. E' il rosa che salva.





Commenti

Post più popolari