Passa ai contenuti principali

GIANMARIO LUCINI, POETA DELLA PACE


Il poeta Gianmario Lucini è stato selezionato come “Poeta per la pace” nell’ambito delle manifestazioni letterarie dell’edizione 2012 di “Trieste poesia” (http://www.triestepoesia.org/). E’ un premio che gli riconosce la “linea” portante dei suoi scritti critici, e in particolare di alcune  raccolte (in particolare Sapienziali, che sarà riedito nel 2013, A futura memoria, Il disgusto, Krisis e Poemetti del dito) e per le intenzioni editoriali (con l’ideazione e pubblicazione de L’impoetico mafioso, La giusta collera, A che punto è la notte, Nun si cuntunnu i ciri ‘nta l’artari, Il peso del vento, Ai propilei del cuore, Oltre le nazioni e ai quali si aggiungeranno il bellissimo Cuore di preda – curato da Loredana Magazzeni – e Il ricatto del pane, a cui   Lucini sta lavorando con Nerina Garofalo e Guido Oldani).
Gianmario Lucini scrive: "Ci tenevo a rendervi partecipi di questo orgoglio, anche perché molti di voi vi hanno in qualche modo un ruolo, con i loro scritti antologizzati o con raccolte edite. E voglio anche farvi sapere che, nei limiti delle mie (decisamente) modeste possibilità, mi vedrete sempre attento ad una poesia che entri nei temi cruciali della storia, pur standosene in qualche modo al disopra, con la forza di un “pensiero poetico” che è caratteristica peculiare dell'arte (non della filosofia, non delle scienze umane, non dell’informazione...)."
Ad maiora!

Gianmario Lucini

Gianmario Lucini è nato a Sondrio il 18/09/1953.  Ha frequentato le scuole dell'obbligo a Sondrio, Roma, Como e l'Università Cattolica di Brescia, laureandosi in Scienze dell'Educazione (indirizzo Formazione Aziendale) e conseguendo un master in critica.  Ha vissuto come emigrante in Svizzera per alcuni anni in giovinezza, si è trasferito per 10 anni circa a Bolzano, dove ha lavorato come operatore in un sindacato.  Per un anno e mezzo circa è di nuovo in Svizzera come sindacalista e dal 1990 di nuovo a Sondrio.  Nel frattempo inizia a pubblicare su alcune riviste, fra le quali Lengua, curata da Gianni D'Elia. Dopo un periodo di disoccupazione  lavora presso un ente pubblico, dal 1998 con contratto part time.  Si occupa anche di formazione e animazione culturale come libero professionista, organizzando o partecipando come docente a corsi, dibattiti, incontri.  Cura, quando non ha di peggio da fare come ad esempio guadagnarsi da vivere, i siti culturali www.poiein.itwww.donmilanigioiosa.itwww.nordorobie.it,www.abramolevi.it ed organizza il Premio di poesia intitolato a David Maria Turoldo, il cui ricavato viene devoluto a situazione di emergenza umanitaria in paesi sfruttati dalla nostra civiltà e dal nostro stile di vita.

Commenti

  1. Hello Giovanna

    I am a biology teacher. I come from Brazil. Visit the blog Ver de Vida. He is dedicated to environmental causes. We are restarting a journey.

    Thank you.

    Cláudio J. Gontijo

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…