Passa ai contenuti principali

PIPPIAMOCI "CELEBRATE"



Per il mio prossimo party cercherò di seguire le regole d'oro di Pippa Middleton! Finalmente un libro utile! Ora potrò invitare i miei duecento amici VIP e mangiare manicaretti deliziosi con la punta delle dita, senza sporcare camicette e cravatte di seta.
Finalmente avrò l'occasione di apparecchiare il tavolo in salotto con la principesca tovaglia di lino ricamata dalle fate (dono di nozze della mia madrina). E poi discorreremo comodamente sedute sui sofà di velluto, le gambe accavallate quel tanto che basta a mostrare buie insenature ai cavalieri della tavola rotonda avvolti nelle loro nuvole di fumo e intenti a fumare i loro sigari.
Lo so, adesso mi tiro addosso le ire dei monarchici (che arrivino pure!) e dei fan della Pippa (anche voi siete i benvenuti).
D'accordo , cercherò di fare una recensione serena. Il libro sta per uscire (sarà disponibile a partire dal 30 ottobre) e non l'ho ancora letto (né mai lo leggerò). Ha quindi molto senso una recensione che preceda l'uscita del libro.
La domanda è: ne avevamo bisogno? Il mondo, il pianeta, ne aveva bisogno? E soprattutto questo libro servirà a qualcosa, a qualcuno?
La crisi del pianeta è solo lo spauracchio dei sudditi o è anche roba da re? Cosa vuole Pippa da noi?
Pippa, sei una brava ragazza, sei bella, ti vuoi divertire, al matrimonio di tua sorella ti sei comportata un po' male (senza seguire le regole e le buone maniere di cui ora parli nel tuo bel libro) ma ti avevamo perdonata (Beh, io no. Nel senso che non me ne importa un fico secco, sai di quelli che si mangiano in un solo boccone e rischiano di soffocarti, soprattutto se ripieni alla mandorla  e ricoperti al cioccolato- ne parli nel tuo libro di un fico così? Dimmi cara Pippa, come si mangia uno di quei cosi mostruosi?).
Insomma, Pippa, quello che ti chiedo è: dovevi proprio?  Dicci la verità, ti hanno costretta? Confidati con noi e vedrai che ti perdoneremo di nuovo.



Commenti

  1. ieri camminando per fulham road verso le 9 di sera vedo davanti al daunt bookshop una quarantina di persone tra "fan" e fotografi - mi avvicino ai due enormi buttafuori e chiedo cosa succede..
    "C'e' la premiere del nuovo libro di pippa middleton darling"
    AHHHHHHHH...
    e sti cazzi?
    evidentemente essere la sorella di kate middleton conferisce un diritto di nascita a mantenersi semplicemente mettendo il proprio nome su stupidaggini e vendere proprie foto mentre si entra in discoteca.
    La cosa più avvilente è stato vedere persone di giovedì sera aspettarla fuori al freddo per un autografo e leggere stamattina sul daily mail di come Pippa ("lovable" modaiola) si è cambiata 4 volte per i diversi party per il "libro".

    RispondiElimina
  2. Giovanna, che tristezza! E che orrore!! Ci aggiungiamo alla tua petizione e aspettiamo, con ansia!, la risposta di Pippa (e dei suoi editori!!!).
    B&I

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie ragazze, ora che il mondo attende la risposta
      con il fiato sospeso per un nuovo amletico dubbio: Pippa o non Pippa?

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…