LE DOMENICHE di ROBERTO SAVIANO

Le domeniche a leggere tutto il giorno. Le domeniche a casa mia da ragazzino, mio padre ad ascoltare il Napoli. Le domeniche, di sera, per recuperare i compiti rimandati all'ultimo momento. Le domeniche a preparare esami. Le domeniche a giocare a pallone, quelle in cui tua madre ti viene a prendere al campetto perché stai facendo tardi. Le domeniche che aspetti che tutti vadano a dormire dopo pranzo per fare l'amore con la fidanzata. Le domeniche al mercato della Pignasecca, a far la spesa per tutti i coinquilini, è il tuo turno. Le domeniche in giro per cantieri edili a farsi raccontare storie nel giorno in cui c'è meno controllo. Le domeniche a scrivere, scrivere per consegnare. Le domeniche sveglio all'alba per andare al mare. E una sorta di infinito desiderio e adrenalina che saliva all'ultima curva, quella che si chiudeva aprendosi a strapiombo sul mare. Le domeniche a San Leucio: silenzio, cielo e la città di Utopia intorno, proprio lì nel cuore dell'inferno criminale. Le domeniche a leggere ad alta voce Pavese o Scotellaro, a declamare Martin Eden o leggere tutto Landolfi, per sentirsi diversi da tutto. Non migliori: diversi. Di tutte queste domeniche che chissà per quale déjà vu mi son piombate oggi, non me n'è rimasta nessuna. Fiore senza petali. (Dalla pagina Facebook di Roberto Saviano).

Commenti

Post più popolari