Passa ai contenuti principali

IN ARRIVO UNA PIOGGIA AUTUNNALE...DI STELLE


Se ad agosto non siete riusciti ad esprimere tutti i vostri desideri, ecco una seconda, spettacolare, pioggia di stelle proprio nel week- end.
Bisogna trovare soltanto un pezzo di cielo non illuminato dalle luci della città...quindi forse è il caso di andare a cercare un piccolo angolo buio per i desideri da realizzare!
Buon fine settimana!



astronomia


Una meteora attraversa il cielo autunnale su Roanoke, in Virginia, il 23 ottobre 2011.  Fotografia di Mike Kline, My Shot

Lo sciame meteorico delle orionidi, visibile dal 16 al 23 ottobre, raggiungerà il suo picco 
tra la notte di sabato 20 e domenica 21.

Questa pioggia meteorica autunnale è generata dai detriti della cometa di Halley, una delle più 
note e brillanti comete conosciute, che si avvicina nei pressi della Terra ogni 75-76 anni - 
l'ultima volta è stato nel 1986, la prossima sarà nel 2061 - e genera gas e polveri che, quando 
entrano in contatto con l'atmosfera terrestre, bruciano creando delle scie luminose: quelle che noi 
chiamiamo stelle cadenti. Questo fenomeno prende il nome di orionidi perché in base alla posizione 
in cielo sembra avere origine dalla stella più luminosa della costellazione di Orione, Betelgeuse,

Nel fine settimana "ci aspettiamo di osservare circa 25 meteore all'ora durante il picco", ha detto Bill Cooke, 
responsabile del Meteoroid Environment Office della Nasa. "Le condizioni saranno ideali, 
la Luna non disturberà lo spettacolo", continua. Infatti, essendo quasi al primo quarto (lo diventerà 
completamente il 22 ottobre) non impedirà la visione del fenomeno con la sua luce riflessa.

"Lo sciame delle orionidi non è il più luminoso, ma è uno dei più belli dell'anno", continua Cooke. 
A fare da sfondo allo spettacolo, ci saranno le costellazioni del Toro, dei Gemelli e di Orione, oltre a
 Venere e Giove che con Sirio formeranno un triangolo luminoso a est, che sarà attraversato dai frammenti 
incandescenti della coda della cometa di Halley.

Le stelle cadenti saranno osservabili anche a occhio nudo: nuvole permettendo, basterà alzare gli
 occhi al cielo intorno alla mezzanotte fra sabato e domenica e guardare in direzione di Orione che,
 trovandosi in prossimità dell'emisfero celeste, è visibile da quasi tutte le parti della Terra. 
"Preparatevi alla velocità delle orionidi, che attraversano l'atmosfera a circa 66 chilometri al secondo", 
si raccomanda Cooke. "Solo le leonidi di novembre cadono a una velocità maggiore".



Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…