IL VENTO, LE ALI

Da bambina  a volte
all'improvviso  prudeva 
un punto in mezzo alle spalle
un punto che non riuscivo a toccare

correvo da mia nonna  per implorare:
- Nonna, ti prego, non lo riesco a grattare.

Allora lei mi diceva, infilando la mano 
tra le scapole magre:
- Mangia o il vento ti porta lontano, guarda
hai le ali.


Commenti

  1. Oggi ho seguito Dany per campi,doline,macchie e fossi alla ricerca di ricordi: i luoghi, i giochi, le scoperte, le avventure della sua infanzia; il tutto concentrato in pochi ettari di terreno, a volte così ripido che era quasi impossibile non cadere. Vedeva ancora la fatica e il sudore dei suoi nonni contadini, sentiva le loro voci, e sopratutto la tenerezza di sua nonna. Malgrado i cinquant’anni di distanza, la commozione le è stata accanto per tutta la giornata. E poi, tornati a casa, questa tua poesia! Bisogna che ci avvisi prima però, che ci prepari, altrimenti qui si allaga tutto, con le lacrime!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una leggera pioggia autunnale sul vostro splendido paesaggio marchigiano.
      :) Grazie!

      p.s.
      Presto speriamo di venire a passeggiare nella vostra bella terra...ci hanno detto che l'autunno è dolcissimo.

      Elimina

Posta un commento

Post più popolari