Passa ai contenuti principali

DI TUTTE LE RICCHEZZE di STEFANO BENNI


Non è un noir
Ma ci sono misteri.

Non è un mommy porn
Ma si tromba.

Non è un libro di cucina
Ma c’è la ricetta degli Spaghetti Separati in Casa.

Non c’è dentro un commissario siciliano né un investigatore scandinavo, non ci sono donne tagliate a pezzi, renne sodomizzate, non ci sono scene sadomaso, non c’è il sacro Graal, non è scritto da un americano che mette sangue in ogni pagina mentre si abboffa di ketchup, non c’è un serial-killer che manda messaggi criptati scritti col midollo spinale delle vittime, ma c’è un tasso assassino, un fantasma spaventoso ed è pieno di colpi di scena.

Non ci sono risate registrate e finte, ma forse qualcuna vera.

Quindi ora sapete cosa non è, e cosa forse è, l’unico modo per risolvere il dubbio è leggerlo.

Se non lo leggerete, attenti alla vendetta del fantasma.


È arrivato “Di tutte le ricchezze”, il nuovo romanzo del Lupo (Stefano Benni).


Di tutte le ricchezze


Ecco le prossime presentazioni:
  • l’11 ottobre alle ore 18 a Bologna, presso la Libreria.coop Ambasciatori in via Orefici 19, introduce Guido Magnisi;
  • il 15 ottobre alle ore 21 a Roma, presso il Teatro Sala Umberto in via della Mercede 50, con Valentina Virando, Alice Redini, Elisa Marinoni, Valentina Chico e Gisella Szaniszlò;
  • il 22 ottobre alle ore 21 a Milano, nella Sala Shakespeare del Teatro Elfo Puccini in corso Buenos Aires 33, con letture di Angela Finocchiaro;
  • il 29 ottobre alle ore 21 a Castelfranco Veneto (TV), presso lo Spazio Antiruggine in Borgo Treviso 158, con Umberto Petrin;
  • il 30 ottobre alle ore 18 a Bassano del Grappa (VI), presso la Libreria Palazzo Roberti in via Iacopo da Ponte 34;
  • l’8 novembre alle ore 18 a Perugia, per Umbrialibri, al Teatro del Pavone in Piazza della Repubblica 67.

Commenti

  1. Lo sto leggendo in questi giorni, ma in Toscana non viene a presentarlo?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per ora sembrerebbe di no, ma di certo altre date appariranno sul suo sito. Ti consiglio di tenerlo d'occhio. Ti piace il libro? Se ti va di condividere con una recensione postala o mandamela!
      :)
      Grazie, G.

      Elimina
  2. E' una vita che non leggo cose di Benni...quasi quasi. Il tuo invito allalettura non è affatto male: pieno di stimoli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto prelevato dal sito ufficiale di Benni, io ho letto le prime pagine sabato entrando in libreria di corsa come sempre. Ho annotato una bellissima frase, presto la trascrivo per voi :).

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…