Passa ai contenuti principali

DENTRO A UN BICCHIERE DI BIRRA


Ho cambiato lo sfondo del blog, sono passata dall'uva nera a uno spumeggiante boccale di birra chiara. Stasera ho preparato la pizza all'ortolana e la birra (un bicchiere) era Paulaner, Munchen. 
L'etichetta è una gioia solo a guardarla: un banchetto di donne e uomini che festeggiano, ridono, si baciano e si rallegrano all'aperto, in un prato circondato da alte montagne innevate. Gli alberi sono carichi di frutti e un cane bianco è seduto a guardare la scena. Mi viene voglia di partire per la Germania oggi stesso, magari me ne andrei a casa di Heidi...o su in montagna dal nonno. A propostio, eccola...
Ho anche scoperto che lo scrittore e poeta Goethe era un profondo conoscitore e appassionato della bevanda d'oro.  
Ecco un articolo da blog Birragustonaturale.com in cui si parla di lui. Se non l'avete già fatto versatevi un buon bicchiere di birra e leggetevi un bel libro prima di arrendervi alla notte e al lunedì. Buona settimana!
johann_wolfgang_goethe_1811
Una birra forte, un tabacco profumato e una donna, questo è piacere“.
Questo aforisma ha tutto il sapore di una massima del più incallito degli edonisti. Tuttavia porta la firma di uno dei mostri sacri del romanticismo europeo: Johann Wolfgang von Goethe, poeta, scrittore, drammaturgo di qualità eccelse. George Eliot  lo definì “uno dei più grandi letterati tedeschi e l’ultimo uomo universale a camminare sulla terra”, lo conosciamo tutti per capolavori come I dolori del giovane Werther e Le affinità elettive. Pochi però sanno che Goethe fu anche un esperto di birra, un profondo conoscitore, un vero appassionato.
Il suo epistolario può essere considerato come una sorta di atlante delle birre tedesche. Numerose sono infatti le lettere in cui Goethe si confronta con gli amici sulle qualità delle birre prodotte nelle varie parti della Germania. Dal carteggio con il filosofo Lessing veniamo a sapere che lo scrittore detestava la birra di Lipsia, tanto che si recava ad acquistarla fuori città. La sua birra preferita era quella di Francoforte dall’aroma mite, gli risultavano troppo amare, invece, quelle provenienti da Merseburgo.
Si deve proprio a Goethe e agli intellettuali che frequentava l’introduzione dei francesismi per definire due differenti birre dal sapore dolce, birre galanti, come le chiamavano all’epoca. Una è la “bavaroise”, una birra che proveniva dalla Baviera, veniva bevuta calda, in tazzina, ad un prezzo che lo scrittore definì “eccessivo anche per la migliore birra tedesca”. L’altra era una birra belga a fermentazione spontanea, si serviva con una fetta di limone, che Goethe e i suoi amici chiamavano “gose“.
E se queste testimonianze non bastassero per definire la passione di Goethe per la birra, ci sarà di certo d’aiuto una sua poesia, che tradotta suona più o meno così:
Conoscere i luoghi, vicino o lontani, non vale la pena, non è che teoria; saper dove meglio si spini la birra, è pratica vera, è geografia

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…