Passa ai contenuti principali

PROFESSORE E POETA

Forse sbaglio, e occorre una verifica alla mia ipotesi che in questo caldo pomeriggio (aspettando Ulisse) non ho proprio voglia di fare (come una pazza mi sono anche messa a fare il pane!)- però vi dirò lo stesso quello che mi passa per la testa. Si sa che la poesia è relegata nell'angolo più remoto di ogni libreria, come la chiamano? Ah, si la Cenerentola della Libreria. Sono pochi i lettori di-versi. Tra un libro di poesie e un best seller vince il peso specifico della fiction, soprattutto se lo scrittore ha un bel nome impegnativo (e magari non italiano).
Per comprare un nuovo libro di poesie a volte ci si affida a case editrici fidate o al bravo libraio; tra un poeta esordiente pubblicato da una minuscola casa editrice e un poeta esordiente pubblicato da Einaudi (per  fare solo un esempio), il lettore-investitore si butta con fermezza (o a pesce)  sull'esordiente "griffato e garantito".
E i tanti poeti esordienti d'Italia che varrebbe la pena leggere se ne restano nell'angolo polveroso a pulire il focolare di casa. Ed ecco la mia ipotesi.
I grandi editori pubblicano quasi sempre nomi noti, e guarda caso quasi sempre il poeta esordiente è un professore universitario! L'aver ottenuto una cattedra all'università è di per sè una garanzia e questo titolo riesce a convincere editore e lettore! E' una magia incredibile, come se il prof. universitario avesse una marcia in più anche quando scrive versi.
Naturalmente quanto dico andrebbe verificato (e per questo sono utilissime le statistiche- praticamente se la mia ipotesi è giusta non si sfugge ai numeri!);  naturalmente non è la sola categoria ad essere favorita, non ci sono soltanto i grandi accademici tra i favoriti (in realtà ho individuato un altro paio di categorie... ma potete provare a scoprirle da sole) . Comunque sono sicurissima che il titolo di Professore Ordinario  aiuti e incoraggi il reticente editore e anche l'indeciso lettore. Retaggio dell' ipse dixit duro a morire nella poesia come nella vita. Forse un po' meno in altri generi letterari!
Di certo la musica rock non ha professori ordinari tra i suoi BIG! (O forse si?)
Ma che succede, allora,  se il poeta in questione,  è professore in una scuola secondaria o elementare o dell'infanzia? Si rivolge ad altri editori, più piccoli e avventurosi. Facciamo solo due esempi. Due poeti che a me piacciono per motivi diversi.
Paola Mastrocola, insegna in un liceo a Torino (Einaudi è dietro l'angolo!) però  ha pubblicato con Guanda.  Le sue poesie sono meravigliose, ma quanti la conoscono anche come poetessa? E soprattutto quanti "vedono" i suoi libri?
Franco Arminio, maestro elementare, pubblica con vari editori e cambia spesso. Laterza e Nottetempo  tra gli editori che è riuscito a conquistare.
Qualche eccezione a quello che sto dicendo ci sarà di sicuro. Ma se in Italia ci fosse davvero questa relazione tra il titolo di docente universitario e il titolo di poeta voi cosa ne direste?


Commenti

  1. Io ho scritto qualcosa, forse poesie...forse qualcos'altro...ma non so come e dove muovermi per raccoglierle e pubblicarle...
    Cara Giovanna, il tuo blog è molto interessante, variegato e mai noioso!

    RispondiElimina
  2. Grazie Cristina, sono felice che tu sia tra gli Amici di Letture e Leggerezza.
    Giovanna

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…