Passa ai contenuti principali

LIBRI SULL'AUTOBUS

A volte mi ritrovo a dire: "Quanto mi piace l'America!".
Come per la Little Free Library, ecco un'altra notizia sulla passione per la lettura "libera" degli americani che apprendo da Viviana Lisanti, autrice dell'articolo che vi sottopongo.
Che ne dite, lo facciamo anche da noi...Io ci provo, a Roma! Ma a settembre!




Da FINZIONI 

Sugli autobus di Seattle si parla di libri

by Viviana Lisanti
Per la maggior parte della gente, soprattutto per i pendolarii viaggi quotidiani per andare a lavorare e per tornare a casa, sono gli unici momenti disponibili della giornata per leggere.
Su un autobus sfortunatamente, per ogni lettore presente ci sono almeno 3 Barbara D'Urso pronte a dar vita a un salotto di canale 5 su quattro ruote. Gli argomenti abbracciano lo scibile umano: piove, c'è il sole, voglio vedere se smettessimo tutti di pagare le tasse, perchè l'autista non va nella corsia d'emergenza che qua c'è gente che deve andare a lavorare, la gente non si sposa perchè costa troppo, ieri ho cucinato il polpettone, la fico ha sbagliato a non dire a balotelli che è incinta ma anche lui non è uno stinco di santo, ormai i superalcolici li bevono solo i ragazzini e i barboni, domani scrivo una lettera alla Net perchè l'aria condizionata è troppo alta e mi viene la cervicale.
Insomma provincialismo a gogo, tono della voce udibile anche se ci si siede negli ultimi posti insieme ai bimbominkia e tanta mestizia e frustrazione per non riuscire a concentrarsi sul libro che si vorrebbe leggere.
Quindi: 1) salottiere vi odio, sul serio, smettetela, 2) organizziamo un Book on the bus!
Book on the Bus è un'iniziativa appena partita attraverso la quale i lettori possono prendere possesso del mezzo di trasporto e ribaltare i rapporti di forza: in pratica, care salottiere, leggete libri, parlate di libri o state nel vostro angolino zitte a far la maglia e sfogliare Chi.
L'idea è venuta all'azienda di trasporti di Seattle in collaborazione con le librerie e biblioteche locali. Funziona che ogni 3 mesi si sceglie un libro, (attualmente si tratta di Hotel Angeline), chi partecipa se lo compra, (il ricavato dalla vendita va a supporto delle associazioni no profit locali che si occupano di alfabetizzazione) e per i mesi successivi se lo porta dietro sull'autobus e se lo legge.
Alla fine dei 3 mesi si organizza un evento per confrontarsi sull'esperienza di lettura e poi si riparte con un romanzo nuovo. 
Ma è durante il periodo di lettura che avviene la "magia" di Books on the Bus, dicono gli organizzatori.
I mezzi di trasporto offrono occasioni uniche di interazione, a bordo si creano comunità mobili spontanee e eterogenee, sparse per tutto il paese. Sugli autobus possono nascere rapporti duraturi e profondi ma molto più spesso ad essere significativi sono gli incontri casuali, i sorrisi accennati, gli sguardi sfuggevoli, i flirt, le discussioni più o meno stimolanti.
Book on the Bus vuole incoraggiare sì la lettura, ma soprattutto i discorsi intorno ai libri, che come sappiamo bene, sono l'aspetto più divertente dell'intera faccenda.
Quindi rendiamo i nostri autobus dei luoghi migliori, se si inizia a chiacchierare con la scusa di un libro, è difficile che si tocchi l'argomento Balotelli jr, o no?
(da Finzioni)

p.s. (di Giovanna Iorio)

A maggio 2012 l'iniziativa è stata proposta a Torino... in questo modo.  ;)


 

“Books on the bus”: 10 suggestivi tour della città in compagnia di celebri scrittori torinesi

Per tutto il mese di Maggio, Turismo Torino e Provincia in collaborazione con il quotidiano La Stampa ed Espress Edizioni presenta “Books on the bus:10 viaggi in cerca d’autore”

A  partire  dal 4 maggio chi salirà a bordo dell’autobus turistico avrà una guida d’eccezione: noti scrittori torinesi  accompagneranno i passeggeri in un tour personalizzato raccontando e descrivendo la loro Torino attraverso la presentazione dei propri scritti. L’iniziativa, nata da Turismo Torino e Provincia con la preziosa collaborazione del quotidiano La Stampa, della Espress Edizioni e del giornalista torinese Fabrizio Vespa, avrà luogo per tutto il mese di maggio in concomitanza, inoltre, del Salone Internazionale del Libro (10-14 maggio 2012). Le voci narranti, quindi, di autorevoli scrittori e autori che vivono e descrivono quotidianamente la città impreziosiranno i tour delle linee “Torino Centro” e “Torino Inedita” dell’autobus turistico CitySightseeing; uno sguardo diverso di una Torino dalle mille anime e molteplici aspetti.

Programma:

> Venerdì 4 Sabato e 5 Maggio, Bruce Sterling, autore di romanzi di fantascienza tra cui la celebre antologia Mirrorshades e Jasmina Tešanovic, scrittrice, giornalista oltre che attivista politica, insieme autori della rubrica “Globalisti a Torino” per l’inserto Torino Sette de La Stampa. Sul bus presenteranno in anteprima il libro “Mai  più  senza Torino”.  
> Giovedì 10 e venerdì 11 Maggio sarà la volta di Marco Magnone, giovane autore torinese e docente allo IED ed Edoardo Bergamin, redattore di Italic, mensile di informazione nazionale, entrambi  autori della guida “L’altra Torino”. 
> Sabato 12 Maggio, Luca Ragagnin, scrittore, poeta e paroliere - vincitore del Premio Montale per la poesia nel 1995 - accompagnerà gli ospiti con il suo romanzo “Marmo Rosso".
> Domenica 13 e Sabato 26 Maggio sarà la volta di Fabrizio Vespa, giornalista de La Stampa e autore del libro “Mal di Torino” nonché co-autore della guida l’Altra Torino.   
> Venerdì 18 e Sabato 19 Maggio, Lo scrittore Giuseppe Culicchia, autore di molteplici pubblicazioni tra cui “Torino è casa mia” è invece l’autorevole guida per chi deciderà di salire a bordo
> Venerdì 25 Maggio toccherà a Luca Ragagnin ed Enrico Remmert, quest’ultimo autore di romanzi tradotti con successo in diversi  paesi e sceneggiatore per cinema, teatro e tv che presenterà il suo romanzo d’esordio “Rossenotti” vincitore del Premio Chianciano e del Premio Tuscania.

Il tour di “Books on the bus” avrà luogo alle ore 18.00 con partenza dal capolinea in piazza Castello angolo via Po.  


Dove: Capolinea in P.zza Castello angolo Via Po
Tariffa: € 10,00 adulti, € 5,00 ragazzi (5-15 anni)
Prenotazione obbligatoria con prevendita biglietti: Call center +39.011.535181
www.turismotorino.org/shop_online




Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…