Passa ai contenuti principali

IL PRIMO INCONTRO SI METTE SU YOUTUBE










DI SOLITO l'amore capita. Ci si incontra, ci si scontra, ci si presenta. E poi si attinge alla memoria per raccontarlo agli altri. Nella vita reale succede così. In quella virtuale, invece, Cupido oltre a scoccare la freccia maneggia una moderna videocamera. E così il "primo incontro", programmato dopo mesi (in alcuni casi anni) di frequentazione online, viene ripreso e finisce sul web. Ovviamente su YouTube. Come ha fatto CadyNow, nickname di una ventiseinne americana, con il suo primo abbraccio dato al suo fidanzato dopo cinque anni. Un tempo record sottolineato nella didascalia che accompagna il video: "Dopo cinque anni di frequentazione fatta di videogame, Facebook e webcam ci incontriamo per la prima volta". Tra le 370mila persone che hanno visto il filmato - numero destinato a crescere di ora in ora - c'è chi si interroga sulla sua veridicità. Ma non è questo il punto. Il fatto è che "Cady" e il suo ragazzo sono in buona compagnia.

I VIDEO 1

Su YouTube infatti abbondano i video dal titolo "Our first meeting" ("Il nostro primo incontro"). Quasi tutti girati da giovanissimi con l'aiuto di un amico o un parente pronto a riprendere lacrime e baci. Ragazzi per cui le distanze, nonostante le offerte delle compagnie aeree low cost, sono ancora un problema. Più di 300mila navigatori hanno vissuto il primo, vero contatto all'aeroporto tra Victor e Katie, rispettivamente 21 e 18 anni, dopo due anni di "appuntamenti" virtuali. Sono stati quasi 100mila, invece, quelli che hanno assistito al primo incontro tra l'utente di YouTube "ariexayashii" e il suo ragazzo: un abbraccio avvenuto dopo 9 mesi a causa dei 4.000 km che li dividevano. E più di 80mila persone, infine, hanno visto il racconto della storia a distanza di Sierra, ragazza hawaiana innamorata di Louis, che vive a Madrid a circa 16 ore di viaggio da lei. Sono tutte video testimonianze di coppie che hanno resistito. E che senza il web, probabilmente, non ce l'avrebbero fatta.

DA La Repubblica.it - articolo di PIER LUIGI PISA "Sto con una ragazza australiana e non l'ho ancora vista di persona - scrive sulla bacheca di Reddit, popolare comunità online, un utente che si firma hardhead1110 - La conosco da due anni e da uno usciamo insieme". A chi gli chiede come faccia a "uscire" con lei, il ragazzo risponde: "Appuntamenti su Skype, è ovvio. Mettiamo un dvd nello stesso istante oppure giochiamo insieme a un videogame. Posso dirvi con certezza che non c'è bisogno necessariamente di un contatto fisico affinché una relazione funzioni". Il bello è che nessuno (o quasi) mette in dubbio il modo in cui hardhead1110 vive il suo rapporto. Anzi, c'è addirittura chi gli consiglia un videogame perfetto da giocare con la sua fidanzata. E chi da man forte al suo punto di vista: "Sono canadese e da 5 mesi frequento online una ragazza coreana - scrive un altro utente di Reddit - Forse la incontrerò il prossimo inverno ma non ha importanza quanto dovrò aspettare. Per la cronaca: ho 20 anni, non sono vergine e vado al college. Tutti gli stereotipi su chi ha storie online sono falsi".

Altro post, altra testimonianza: "Ho fatto come Cady per un anno prima di incontrare il mio ragazzo (ora stiamo insieme da 3 anni) - scrive "peachykiwi" - Con lui organizzavo delle "movie nights" sul web e anche delle "social nights" (giocare online con altri per esempio). Poi c'erano le sexy chat... Le webcam sono utili. E puoi usare la creatività. Il mio fidanzato poteva contare su diversi filmati piccanti che ho fatto appositamente per lui...". 

Mai come oggi il web è vitale per alimentare un amore ostacolato dai chilometri. Accanto agli strumenti ormai noti - dalle chat al VoIP ai social network - nascono applicazioni dedicate agli innamorati in cerca di intimità. Una di queste è Pair, app gratuita (per iPhone e Android) che consente di creare un social network "per due". Alle fotografie, ai video, e ai pensieri pubblicati hanno accesso soltanto i due partner. In più c'è la possibilità di scambiarsi un "bacio" virtuale. La funzione si chiama "ThumbKiss": uno dei due preme lo schermo e l'altro, grazie all'applicazione, è in grado di vedere il punto esatto del display in cui è avvenuto il tocco. Gli basterà far coincidere il suo per far vibrare simultaneamente i due smartphone. E' meno articolata - ma comunque efficace per chi vive rapporti a distanza - TwoCup, altra applicazione gratuita (solo per iPhone) che permette di ricordare anniversari e di stilare una lista dei desideri del partner.

La rete, infine, offre alle relazioni a distanza persino un'alternativa al "vecchio" invito al cinema. Oggi ci si da appuntamento su siti come Synchtube 2, una piattaforma che consente di creare stanze private in cui vedere lo stesso film o ascoltare la stessa musica. Un nido d'amore virtuale in cui si ha la sensazione di entrare in "contatto" nonostante la lontananza. Solo che invece di stendere il braccio sul sedile affianco si è costretti, purtroppo, ad allungare la mano verso un mouse. 

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…