BUONA NOTTE

n. 273_ Luglio/Agosto 2012








Orto, ora, voce

per Ernst


Non chiamata
esco dai cespugli
le cui radici affondano
nell’orto grande.

Afona,
con la voce che hai tu solo udito,
che in te è rimasta
,
ti chiamo
per mostrarti una farfalla,
e noi contempliamo
tempia a tempia
a distanza l’oscuro
messaggero nella luce.

Da un anno all’altro noi andiamo,
andiamo d’ombra in ombra
e sono gli alberi a cui tu fai visita
come fossero, essi, persone,
è la mia voce che domanda:
“Vive ancora Golden Wings, la rosa
sotto l’ambretta,
conti i convolvoli azzurri,
annaffi gli abeti, origli
il respiro delle foglie?”

Senti al di là del muro
il passo che va intorno,
è il sole nel meriggio, volteggia
alto nel cupo azzurro
il nibbio nero.



 ERIKA BURKART
Traduzione di Remo Fasani



Poesia n. 273 Luglio/Agosto 2012
Un colloquio dalla Svizzera
Erika Burkart-Remo Fasani
a cura di Annarosa Azzone Zweifel
Fondazione Poesia Onlus 2012

Commenti

Post più popolari