ARRIVA PENELOPE

Che estate calda e colta. Caronte e Minosse i più potenti, Circe la gelida maga e infine Ulisse...
Ma io aspetto Penelope. E infatti sta per arrivare. Questo inverno uscirà in versione integrale la mia raccolta Mare Nostrum per CFR edizioni.  Sono 30 poesie e tra le voci c'è quella di  Penelope, stanca di aspettare, che si mette in viaggio e trasforma il sudario in una bellissima vela. 
La raccolta racconta le vite abbandonate sui barconi, il viaggio nel Mare Nostrum, il  Mediterraneo, mare amico dei Romani. Parla delle persone silenziose che solcano il mare per raggiungere l'Inferno. Sullo sfondo c'è l'ombra del Vulcano che guarda e giudica lo scempio.
Una selezione da Mare Nostrum è già uscita in Retrobottega 2.
Aspettando la raccolta integrale, ecco la voce della mia Penelope,  giovane immigrata in viaggio.




Penelope

Su questo mare
ho incontrato una donna

mi ha detto – sono Penelope
stanca di aspettare

mi ha detto - ho una tela
così immensa da non poterla piegare

mi ha detto - cosa ne faccio
di un lenzuolo se non ho un marito da amare?

La sua è una piccola nave
la vela sottile

si gonfia ad ogni respiro
si tende ad ogni pensiero.

Perché lo rivuoi quel marito?
Perché se ti ha abbandonato?

Mi guarda con lo sguardo smarrito.
Mi confida il suo grande segreto.

La mia terra è senza radici
la mia casa è senza amici

mio marito non mi ha abbandonata
sono una rifugiata.

(da Mare Nostrum, di Giovanna Iorio- in uscita per CFR)


http://www.medicisenzafrontiere.it/msfinforma/galleria/stagionali_calabria_2009/index.html?id=5

Commenti

Posta un commento

Post più popolari