Passa ai contenuti principali

PIETRE VIVE

"Pietre vive", immagini e versi per il territorio

Sabato 9 giugno la presentazione del volume


06/06/2012
E’ la storia del territorio a rivivere in “Pietre Vive”, racconto dedicato ai luoghi di interesse storico-artistico dell’Irpinia, curato da Massimo Ciotta, Domenico Cipriano e Francesco Di Sibio. Un racconto che parte dalle suggestioni dell’Abbazia del Goleto. Il volume sarà presentato sabato 9 giugno, alle 19.30, nello splendido scenario della chiesa del Vaccaro, il cuore dell’Abbazia. La presentazione sarà anche l’occasione per inaugurare una mostra di foto e poesie ispirata al catalogo.
I testi poetici accolti nel volume sono tutti originali e si ispirano ai luoghi e ai dettagli fotografici, per una rilettura artistica di questo patrimonio culturale, attraverso lo sguardo dei poeti che vivono ed operano sul territorio. Il volume si avvale di una introduzione di Don Franco Alfano, che ha lasciato da poco l’Arcidiocesi di Sant’Angelo dei Lombardi-Conza-Nusco-Bisaccia e di una rilettura storica curata da Don Tarcisio Luigi Gambalonga. A corredare le pubblicazioni della collana, edita da Delta 3 di Grottaminarda, prefazioni ed altri scritti per sollecitare il lettore e introdurlo nei temi sviluppati dai poeti coinvolti. Il prossimo volume, già in preparazione, sarà dedicato al Parco Storico-archeologico di COMPSA. L’iniziativa è promossa da “Delta 3 edizioni” di Grottaminarda in collaborazione con: Fondazione Officina Solidale, Cooperativa Sociale “Il Germoglio” a.r.l., Pro Loco Alta Irpinia di Sant’Angelo dei Lombardi, Palazzo Tenta 39 di Bagnoli Irpino. Ad introdurre la serata un videomessaggio di Don Franco Alfano che ha scritto l’introduzione al volume e la partecipazione di chi ha collaborato alla realizzazione di questo primo volume: Franco Arminio, Raffaele Barbieri, Cosimo Caputo, Giuseppe Caputo, Domenico Cipriano, Massimo Ciotta, Vincenzo D’Alessio, Alessandro Di Napoli, Francesco Di Sibio, Monia Gaita, Don Tarcisio Luigi Gambalonga,  Antonietta Gnerre, Claudia Iandolo,
Giovanna Iorio, Giuseppe Iuliano, Vera Mocella, Alfonso Nannariello, Fabio Pelosi, Paolo Saggese, Salvatore Salvatore, Armando Saveriano. E ancora, Silvio Sallicandro, Rosanna Repole, Marco Luongo, Tony Lucido, Michele Gatta, Fabio Lauria, Lucio Lazzaruolo e Raffaele Villanova. Il tutto si svolgerà sotto la cura e la guida di una presentatrice d’eccezione, l’attrice Chiara Mazza. 

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…