Passa ai contenuti principali

RETROBOTTEGA 2


In questa antologia , appena uscita, una selezione di 16 poesie della mia raccolta "Mare Nostrum". Ne sono felice, perché Mare Nostrum racconta una storia amara, una storia di tutti, tra piante di ulivi antichi e all'ombra di un vulcano che si risveglia.
Grazie a Gianmario Lucini per avermi invitato a partecipare. 

Retrobottega 2
dodici sillogi inedite di AA.VV.

ISBN 978-88-897224-46-4
Edizioni CFR - 2012 - pp. 216 € 18,00    (- 25% dal sito per ordini di almeno 20 € complessive)  

Dopo il buon successo di Retrobottega1, presentato in diverse località italiane, esce questo secondo volume, che non soppianta certo il primo ma lo integra, in un progetto destinato a proseguire nel tempo a scadenza annuale. Il primo volume (Edizioni CFR - 2011 - pp. 152 € 15,00) comprendeva sillogi di Claudia Ambrosini, Francesco Barbaro, Nunzia Binetti, Vanjo Garbujo, Nunzio Festa, Vincenzo Lisciani Petrini, Alberto Mondi, Virginia Murru, Fabio Rocci e Anna Ruotolo. A loro si aggiungono questi 12 poeti, il cui nome possiamo leggere sulla copertina qui a destra.
Questo secondo tomo è caratterizzato, come il primo, da autori che a nostro avviso meritano di essere più conosciuti. Tutti hanno almeno una pubblicazione alle spalle e alcuni anche tre o quattro. Ogni autore presenta una silloge di una quindicina di testi, debitamente annotata da commenti critici, che mettono in risalto gli aspetti più pregevoli dei testi, con particolare riferimento a quello che noi indichiamo come "pensiero poetico" degli autori, ossia la loro ricerca di senso, la loro particolare visione del mondo che, per i lettori, rappresentano certo l'aspetto che più interessa conoscere, oltre ovviamente all'aspetto della lingua, dello stile e ad altri che sono considerati "marcatori" di buona poesia. Precisiamo, per i più esigenti, che l'immagine non rende bene la temperatura del colore della copertina (vista così non piace), che è più brillante e gradevole.
I nomi sono stati scelti dopo l’attenta osservazione di prove che sono state inviate al concorso Turoldo e al concorso Fortini.  36 autori sono stati invitati ad aderire a “Retrobottega 2” e 12 vi hanno fatto parte. Si sa infatti, che nei concorsi letterari, anche quelli più seri, non tutti possono giungere ai primi posti, anche se la qualità delle opere presentate è eccellente. Per chi organizza concorsi,  non è facile rassegnarsi al verdetto della giuria che è costretta, per forza di cose e suo malgrado, a “tagliare”, a de-cidere.
Questo, per dire che “Retrobottega 2” non è un’antologia composta di testi e nomi rabberciati e per puri fini commerciali: è nostra cura, infatti, salvaguardare prima di tutto il lettore offrendo testi che, al di là dei gusti personali, siano validi. CFR non è infatti un editore che pubblica chiunque “purché respiri”. E non potrebbe essere altrimenti, almeno per coerenza con le cose che da anni andiamo dicendo.

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…