Passa ai contenuti principali

INAUGURAZIONE LITTLE FREE LIBRARY


Questo è un articolo di Francesco Gragaglia uscito ieri su Vigna Claro Blog! Grazie Francesco! Vi aspetto numerosi!

http://www.vignaclarablog.it/2012052118978/vigna-clara-prima-little-free-library-di-italia/



Vigna Clara la prima little free library d’Italia

21-Maggio-2012 | 16:50stampa stampa questo articolo
little-free-library-vigna-c.jpgL’idea è semplice ma geniale: mettere nei parchi urbani delle cassette di legno con all’interno dei libri a disposizione di tutti. Chi va a passeggiare o porta i propri figli a giocare può prendere un libro che una volta finito di leggere lascerà nella stessa o in un’altra “casetta”. Il tutto gratuitamente e se poi nel momento in cui si preleva un libro se ne deposita un altro, ecco che il gioco è fatto: le “little free library” permetteranno a piccoli e grandi di avere accesso, senza alcun costo, al fantastico mondo dei libri.
L’idea nata negli Stati Uniti si è diffusa immediatamente a macchia d’olio e oggi grazie a Giovanna, una insegnante del Marymount, anche Roma e il parco dell’Inviolatella Borghese, ai piedi del quartiere di Vigna Clara,  avranno una piccola libreria.
Giovanna Iorio è una giovane e dinamica insegnante che scrive poesie e cura il blog “Amici di letture e di leggerezza”; a lei è venuta l’idea di acquistare e mettere la prima “little free library” d’Italia nel bel parco dell’Inviolatella di Via di Villa Lauchli, una traversa di Via Cassia Antica a pochi passi da Piazza dei Giochi Delfici.
Ottenuta l’approvazione dalla Direzione dell’Istituto e il nulla osta dell’Ente Parco di Veio, Giovanna ha coinvolto nel suo progetto due classi del Marymount: una terza elementare e una quarta ginnasio. Per acquistare la casetta in legno, provvista di uno sportello con vetro e del costo di circa 200 euro, ha organizzato una vendita di torte fatte in casa che ha fruttato il necessario per l’acquisto e le spese di spedizione.
Le piccole e deliziose casette prodotte negli USA riportano sul davanti una etichetta in legno con un numero di matricola che consente, attraverso google-map, di conoscere la posizione di tutte le “little free library” sul pianeta: la 472 sarà la prima libreria nel nostro paese e la quarta in Europa.
La casetta verrà inaugurata il primo giugno alle ore 9 all’interno del parco di Via di Villa Lauchli e alla cerimonia, a cui assisteranno i ragazzi che hanno seguito l’iniziativa, potranno partecipare tutti coloro che lo desiderano.
Abbiamo incontrato la dinamica Giovanna (si fa fatica a starle dietro!) all’interno dell’Istituto dove con orgoglio ci ha mostrato, in una coloratissima aula, la casetta in legno con il suo bel numero di matricola. L’insegnante ci ha spiegato che all’interno dell’Istituto c’è una fornita libreria con un settore riservato ai più piccoli, molto frequentato dagli alunni delle elementari.
“E’ anche per questa ragione che abbiamo deciso di coinvolgere una terza elementare” dichiara a VignaClaraBlog.it “a cui abbiamo affidato il compito di decorare la casetta; ogni alunno sta dipingendo inoltre dei segnalibro che lasceremo all’interno di ogni volume; i libri, scelti dai ragazzi, saranno non solo in italiano ma anche in altre lingue”.
Chiediamo ai piccoli alunni come intendono decorare le pareti della little library e qualcuno propone di disegnare gli uccelli che vivono nel piccolo specchio d’acqua del parco mentre qualcun altro suggerisce di dipingere il palo di sostegno come fosse la zampa di un elefante. L’idea della libreria sembra affascinare questi lettori in erba.
La casetta verrà sistemata nella parte centrale del parco nei pressi di una centenaria quercia, uno dei luoghi più belli e freschi dell’Inviolatella.
“Mi auguro che l’iniziativa” prosegue Giovanna “possa piacere e che altre little free library vengano messe all’interno dei parchi di Roma Nord; si tratta di una idea che i tanti comitati cittadini potranno fare loro. Tra l’altro la casetta potrà anche essere realizzata da un falegname o in proprio spendendo poche decine di euro e se poi la si vorrà inserire nella rete di google-map sarà sufficiente acquistare negli Stati Uniti solo la targhetta con il numero di matricola” conclude l’infaticabile insegnante.
Si tratta in effetti di una fantastica idea a cui potranno partecipare, attraverso i libri, giovani, adulti e anziani e che sarà diretta soprattutto a quelle persone che oltre ad amare il verde trovano importante leggere.
Gli alunni della terza elementare perciò vi aspettano venerdì 1 giugno al Parco di Via di Villa Lauchli per l’inaugurazione della loro “little free library”; se poi avrete al seguito un libro da lasciare nel box in cambio ne potrete avere un altro con all’interno un piccolo e coloratissimo segnalibro.
Una ragione di più per non mancare.
Francesco Gargaglia

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…