Passa ai contenuti principali

IL GRA-NDE AMORE

A1 diramazione Roma Sud, traffico sbloccato per incidente tra Torrenova e bivio G.R.A.



Lui (da solo in una macchina bianca) e lei (da sola in una macchina bianca) vicinI per caso sul Grande Raccordo Anulare. Sono fermi nel traffico. I finestrini chiusi. Gli occhi fissi che guardano avanti...

Lei- Avanti così non si può...
Lui- Avanti...è una parola! E' tutto fermo qua!
Lei- ...con le cose che si rompono, i sogni che si rompono...
Lui - Una rottura...
Lei- ...io voglio tornare indietro, a noi due, a quel treno, al cielo sul finestrino, al caffè bollente sul braccio, al dolore e sorriso insieme.
Lui- Le ferrovie, come no! Peggio delle autostrade...
Lei- Correvamo noi, i nostri pensieri correvano, veloci, e il mondo fermo fuori...
Lui- Fermi! Cristo, da un'ora! Non c'è scampo. L'uscita, un miraggio, e quando ci arrivo...
Lei- E poi questa strada, questa gente, questa corsa inutile, questo ponte che non unisce niente...
Lui- Posso solo provare l'inversione di marcia, torniamo indietro, ma poi che abbiamo concluso? Un bel niente, torniamo al punto di partenza.
Lei- No, uscire. L'unica via d'uscita è uscire. Non tornare mai più. Scendiamo, lasciamo tutto, subito, ora, per sempre.
Lui- E come torniamo a casa?
Lei- E' in affitto... non sarà mai nostra. Tutto rotto, un mucchio di cose senza valore. Solo libri. Ma i libri sono sempre gli stessi, le stesse parole.
Lui- Da che parte allora?
Lei- Da quella parte, c'è il ponte, sotto c'è una scala, un salto. E saremo fuori.
Lui- E la macchina?
Lei- Lascia le chiavi. Qualcuno la ruberà, la sposterà, la porterà altrove.
Lui- Non hai paura?
Lei- Si. Ho di nuovo paura. Perché di nuovo sogno, spero, m'innamoro.
Lui- Non ce ne pentiremo?
Lei- Si, ce ne pentiremo, e se restiamo ce ne pentiremo, e se restiamo io rimpiangerò te- l'uomo che eri- tu rimpiangerai me - la donna che ero.
Lui- E' questo che la gente chiama fuga?
Lei- Di più. Più giusto chiamarla diserzione. Via... dal campo di battaglia. Dalla strada che gira e gira e gira e porta solo ad altra quotidiana guerra. Tutti i giorni sempre in guerra.
Lui- E allora che sia! Scendiamo! Insieme. ORA!
Lei- ORA!

Contemporaneamente aprono la portiera e scendono. Sono fuori. Sul raccordo stradale tra le macchine ferme sul ponte. Si allontanano a piedi, scendono dalla scaletta e si ritrovano all'improvviso sotto il ponte, in mezzo a un campo. Si baciano, si stringono forte. Poi si mettono a camminare, insieme, vanno ad ovest, verso il sole.

(g.i.)







Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…