Passa ai contenuti principali

IL COLOMBIANO, UN RACCONTO AUTOBIOGRAFICO

Alfonso Prota


Antonello Ricci
Oggi 12 marzo esce
IL COLOMBIANO
in versione audio scaricabile da:

www.bandadelracconto.bandcamp.com

www.subterralabel.com

IL COLOMBIANO
Il Colombiano. Di adozioni & altre biologie
, di Antonello Ricci (Davide Ghaleb Editore, Vetralla 2011 -www.ghaleb.it/colombiano/01.htm) è una fiaba d’amore. Una storia di padri e figli. Un racconto autobiografico: l’adozione da parte dell’autore, nel maggio 2004, del suo secondo figlio, Juanco (Juan José).
Il Colombiano
è un elogio del seme bastardo. Un nudo inno alla bellezza della vita.
Il Colombiano
è pure fantasia horror, dichiarazione d’amore a Medellìn, città «funesta e aerea» che i Colombiani stessi considerano la Napoli di Colombia.
Il Colombiano
è un racconto in versi illustrato da Lorenzo Ricci.
A differenza dei precedenti lavori portati in scena dalla Banda del Racconto,
Il Colombiano è anche e soprattutto un concerto-reading. Con Alfonso Prota in cabina di regia. E la musica dei MYLIAC che asseconda e innerva tutta la performance, dal dolce avvio serale al suo compimento notturno e visionario, quasi spiritico.
Anche per Prota, andrà detto,
Il Colombiano si configura come faccenda di padri e figli: nel quadro quarto infatti, il regista si ritrova al leggio fianco a fianco con suo padre Vincenzo, a leggere un impasto di ispano-napoletano che lo riporta alle più intime e remote radici partenopee della sua famiglia (www.retididedalus.it/Archivi/2011/ottobre/TEATRICA/2_concerto.pdf).
Il Colombiano è scritto, suonato e raccontato da la
Banda del Racconto & MYLIAC: Alfonso Prota Matteo Ronchetti Stefano Frateiacci Antonello Ricci Domenico Coletta Edoardo Mantelli Michela Benedetti Pietro Benedetti Olindo Cicchetti Sara Grimaldi Vincenzo Prota. Testi di Antonello Ricci. Musiche di MYLIAC. Registrato e mixato da Matteo Ronchetti e Stefano Frateiacci tra dicembre 2011 e febbraio 2012. Prodotto da Davide Ghaleb Editore & SubTerra.

Banda del Racconto
La
Banda del Racconto è associazione culturale dal 2011 (con sede a Viterbo) ma lavora da anni sul territorio: spettacoli teatrali, libri e graphic novel, passeggiate-racconto, reading-concerti. La Banda agisce di preferenza nei territori di Viterbo e della Tuscia, della Maremma tosco-laziale, della Campagna Romana. Incursioni anche nella Capitale. Il progetto Banca del Racconto (una delle attività più importanti della Banda) insiste sul territorio e i suoi paesaggi a partire dai patrimoni narrativi locali. L’obiettivo è restituire alle comunità coinvolti i patrimoni orali raccolti con l’interesse di un buon tasso di fruibilità collettiva e sociale dei saperi comuni e popolari. Il profilo artistico-scientifico del progetto è curato da Alfonso Prota (pianificatore territoriale, performer, illustratore), Antonello Ricci (regista, scrittore e studioso) e Marco D’Aureli(antropologo) (www.bandadelracconto.it). Dal 2009 la Banda collabora con l'editore Davide Ghaleb di Vetralla (www.ghaleb.it).

MYLIAC
MYLIAC
è attivo dal 2009. È un progetto musicale che si muove tra ambient, guitar drone e sonorizzazioni. Nasce come “laboratorio” di suoni, field-recording, elettronica, loop e si sviluppa seguendo “canovacci” generati da suggestioni condivise, lasciando ampio spazio all'improvvisazione. Matteo Ronchetti e Stefano Frateiacci partono miscelando l'immaginario post-rock ed elettronico con colori ambient, drone e noise. Alfonso Prota aggiunge in un secondo momento una robusta base percussiva e una pletora di stimoli di natura letteraria e performativa. Iniziano le collaborazioni con Antonello Ricci e la Banda del Racconto, nascono reading-concerti (da Per odio e per amore di Maria Jatosti, da Lutto in famiglia di Carlo Vincenti) e lo spettacolo teatrale Il Colombiano, dove si innestano inediti sapori sudamericani. La più recente esperienza è la produzione di colonne sonore per due documentari di Francesco Galli: Santino e La misura fa il soldo. Il taglio del bosco nel viterbese (myliac.bandcamp.com ).

SubTerra
SubTerra Label
è un'etichetta di musica indipendente con base a Vetralla. Nota per essere una delle prime realtà italiane a rilasciare gratuitamente sul web i propri dischi, secondo le modalità del copyleft, è stata fondata dal collettivo mutante post-rock La Guerra delle Formiche e dal terrigno punkautore, nonché calzolaio di Vetralla, conosciuto come il Tedesko. (www.subterralabel.com; www.repubblica.it/tecnologia/2011/04/06/news/pirateria_musicale_stime_false-14489149/)


Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…