Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2012

NUVOLE PATATA

Un mio studente, dalla fantasia sfrenata, che studia l'italiano come seconda lingua ha appena completato la dettagliata descrizione di un paese fantastico che ha battezzato "Potatoland".Il Paese, governato da un dittatore Ethan Hong è una galleria di personaggi deliranti e situazioni paradossali. Vi offro soltanto questa immagine e la didascalia:
"Attenzione, caduta nuvole!" Geniale!

LUNGOTEVERE A PRIMAVERA

PICASSO, donna che legge ha in testa una nuvola di moscerini un minuscolo sciame di pensieri. (g.i)

AI BUONI DELLA TERRA

Ho una cosa da dire
la giro in tasca come un sasso
la giro e la rigiro è una cosa dura
ha voglia di ferire di affondare nella carne di far torcere il muso ai buoni della terra.
(g.i.)

POESIA LAMPO

"La tempesta"del Giorgione (tela, 78 X 72 cm)
Niente è più vero di un lampo di sera. (g.i.)

ANDARE IN LIBRERIA

Ecco il resoconto dei miei studenti in missione speciale "Lettore Viaggiatore" progetto che prevede il coinvolgimento quasi fisico con i libri e frequenti escursioni in libreria. Vi trascrivo i primi due rapporti dei miei agenti speciali. Leggeteli e capirete che si va in libreria per leggere...le persone! Grazie a Beatrice e Cristiana (aggiungerò man mano che verranno inviate le storie di tutti!).
GESU' IN LIBRERIA

Progetto LETTORE VIAGGIATORE
Libreria Alessandro Manzoni, Roma
Ore 16:30- Io, Martina, e Flaminia chiediamo alla commessa Laura di sederci in un angolo a osservare. Con il suo consenso ci sediamo in tre angoli separati.

Persona numero Uno- Giovane, ventotto anni circa, Giacca nera, pantaloncini e calze. Entra, guarda in giro per circa cinque minuti ed esce delusa senza comprare niente. Aveva un casco, quindi deduciamo che sia venuta in motorino. Persona numero Due- Coppia anziana, entrambi vestiti in giacca e pantaloni. Entrano nel negozio tenendosi per mano. Si …

Leonardo's Codex | American Museum of Natural History

Leonardo's Codex | American Museum of Natural History

Già 500 anni fa Leonardo da Vinci esplorava e svelava i segreti della luna.  L'immagine invece è presa da Astronomy Picture of the Day (segnalata su The Physics Portal by Alan Bates)

ANIMA

A tutti quelli che nelle cose che fanno ci mettono l'anima. E poi restano senza.A tutti quelli che tutto il giorno buttano l'anima. E se la riprendono la sera. A tutti quelli nati senza anima. E che prima di morire se ne comprano una. A tutti quelli che cercano l'anima gemella. E aspetta e spera. A tutti quelli che lavorano in sala rianimazione. Come fate a rimetterla dentro? A tutti quelli che si dannano l'anima per un sogno. Fate bene. A tutti quelli che si chiedono se l'anima esista. Fate male. A tutti quelli che hanno separato anima e corpo. Male. A tutti quelli che stasera hanno l'anima sporca e sotto la doccia si sentono meglio. Meno male.

ORA

Lo dirò a voi, silenziosi amici di letture. Così un giorno potrò ritrovare questo pensiero e penserò di non averlo mai pensato. E avrò nostalgia di questa sera che ora non mi commuove. E infatti sono ferma nella mia cucina. Io e il mio tavolo. Il respiro dei miei bambini. Il silenzio del divano stanco di televisione. Lo dirò a voi. Bisognerebbe tutte le sere, e quindi anche stasera, avere il coraggio di dire ora e dimenticare di pensare. Ora- se ne avessi il coraggio cercherei la musica ch-e tu hai pensato per me e la seguirei fino al mare. Ballando. ORA.

FAR SCENDERE DALLE STELLE

ETIMOLOGIA DI DESIDERIOIl termine desiderio deriva da "sidera", far scendere dalle stelle qualcosa.

ANDARE IN LIBRERIA

Proprio in questi giorni i miei studenti sono in missione speciale nelle librerie. Hanno con sé carta e penna e annotano quello che vedono. Ne sono venuti fuori ritratti interessantissimi. In particolare noi però siamo a caccia dell'eroico lettore\compratore del libro di poesia.Prossimamente metterò sul blog le storie che hanno raccolto. Annuncio che sono strepitose! Come quella intitolata "Gesù in libreria" nella quale l'unico a comprare un libro di poesie ha la faccia di Gesù di Nazareth e scrive canzoni.
E mentre noi siamo immersi in queste strane avventure ecco che arriva il concorso "Andare in libreria..." indetto dalla casa editrice Marcos y Marcos. Perfetta sintonia tra chi i libri li fa, chi li scrive, chi li legge, chi li studia e chi li vende.
Dal sito di Marcos y Marcos:
ANDARE IN LIBRERIA
è il mio piccolo segreto per scoprire
come va veramente il mondo
E per te… cosa significa andare in libreria?Inventa uno slogan che inizia con "Andare in libre…

I FONEMI DELL'UNIVERSO

L'abbiamo creata noi, l'abbiamo fatta a nostra immagine e somiglianza, l' abbiamo messa accanto a noi a fare qualcosa per noi. E' la cosa.Ci ha creato lui, ci ha fatto a sua immagine e somiglianza, non vuole niente da noi e non ci chiede di fare qualcosa per lui. E' il caso. Ci distruggerà lui, ci dà la caccia come un gatto al topo, si allargherà intorno a noi come una nuvola ingoiandoci. E' il caos. C O S A S O O S ?
Cosa so? So una cosa: quando la C verrà spostata dal caso torneremo nel caos che la inghiottirà; non resteranno che ossa e unsasso.

IL MARE SUONA L'ORGANO

Le onde del mare producono un suono ipnotico. Siamo in Croazia, su di un molo. Mi piacerebbe sentire dal vivo quel suono. A voi piace? Buona notte!

LITTLE FREE LIBRARY

Little Free Library: crea la tua microbiblioteca sotto casa - Finzioni
Leggete e seguite il buon esempio! Io già alle prese con una Little Free Library da mettere nel Parco davanti alla scuola dove lavoro!

IL ROSSO E IL BLU

Volto frammento, olio su tela di Carlo Vincenti(1946-1978)
Tutte le volte che mi allontano mi riprendi
con il tuo azzurro che mi afferra la mano
e il rosso che mi scorre dentro. (g.i.)

LA PENNA CHE UCCIDE

Da qualche tempo sono più interessanti le domande che le risposte. Ed è questa certezza che incoraggia Natalie Wolchover a dare un titolo affascianante al suo articolo su Scientific American. Mi piacerebbe tradurlo per voi, ma il tempo non me lo permette. Quindi ve ne farò un riassunto (anche se potrete comunque leggerlo qui). La domanda iniziale è "Può una monetina in caduta da un grattacielo uccidere qualcuno?". Interessante! Mio marito mi ha passato l'articolo e dopo un bel cappuccino, nella mia ora libera a scuola ho letto con interesse le teorie illustrate. Ecco le conclusioni. A quanto pare no. Non ucciderebbe nessuno in quanto le molecole d'aria in collisione con la monetina ne rallentano la caduta. Inoltre la forma piatta contribuisce alla resistenza dell'aria. Quindi, potrebbe danneggiarci il cranio ma di certo non riuscirebbe a bucarlo. Vi sono false convinzioni che l'articolo aiuta a sfatare, come l'idea che una monetina in caduta libera acceleri …

INCONTRO

stanotte nel nostro sognonon serviranno verbi solo nomi di cose semplici e lisce
e quello che ci diremo sarà leggero
frasi smosse da un aratro
il capo basso a piantare semi (g.i)

RIFLESSIONI SULLA POESIA

Harold Bloom (1930)
Stasera, alla vigilia della Giornata Mondiale della Poesia, vi invito a riflettere sulle parole di Harold Bloom . Lo conoscete? E' il critico letterario più temuto dai premi Nobel della letteratura (Doris Lessing, Le Cleziò e Dario Fo le sue vittime più recenti). Il suo libro "L'arte di leggere la poesia" ha un titolo suggestivo. Promette risposte a domande impossibili che di solito lasciano buchi nel cervello, come morsi di topo in una mela. A dire il vero io non l'ho trovato così illuminante. Mi colpisce in particolare la domanda che apre il sesto capitolo: "Cosa rende una poesia migliore di un'altra?" Me lo chiedo tutte le volte che "i giurati" di un premio decretano i vincitori. Anche quando sono io ad essere tra i premiati mi chiedo sempre come abbiano fatto a scegliere. Io non ne sarei capace. Allora mi metto a studiare, per capire quali siano i consigli di uno dei critici più temuti.Il concetto chiave sembra esse…

GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA

Giornata mondiale della poesia 2011La Giornata Mondiale della Poesia è stata istituita dalla XXX Sessione della Conferenza Generale UNESCO nel 1999 e celebrata per la prima volta il 21 marzo seguente. La data, che segna anche il primo giorno di primavera, riconosce all’espressione poetica un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace.
L’UNESCO negli anni ha voluto dedicare la giornata all’incontro tra le diverse forme della creatività, affrontando le sfide che la comunicazione e la cultura attraversano in questi anni. Tra le diverse forme di espressione, infatti, ogni società umana guarda all’antichissimo statuto dell’arte poetica come ad un luogo fondante della memoria, base di tutte le altre forme della creatività letteraria ed artistica.
La Commissione Nazionale Italiana per l’UNESCO celebra l’edizione 2011 della Giornata della Poesia, in collaborazione con il Premio Le…

L'ORA DEL PANE

Lo sapete che preparo il pane ogni due giorni? E' diventato un rito, mi riconcilia con il mondo. Il forno è ancora caldo. Stasera il pane è stato sfornato alle 20:30. Di solito faccio molto più tardi, ma oggi c'era l'energia buona di un fine settimana trascorso con persone vere. E la gioia si consuma piano, soprattutto quando è autentica.
L'odore del pane è, ne sono convinta, terapeutico. Consola e piano piano riscalda. A volte sazia pure. Il pane sprigiona la sua forza e dà un'anima alla stanza (forse addirittura al condominio). Stasera mentre scrivo ne sento il calore accanto a me, sono più forte e oso sperare.
Cosa sperano stasera i miei amici di letture? Tu per esempio, che sei finito a leggermi per caso, cosa pensi di me, tu che mi hai appena incontrato? Lo avverti il profumo del pane? Ne senti l'aroma e l'amore? A casa mia -nella cucina dove queste parole lievitano- questa è l'ora del pane, dei primi sogni dei bambini, dei gatti che si mettono a …

ROMA & CORTOONS

Garbatella. Un nome che evoca quartieri popolari, odori di fritti e voci di bambini per strada. Ed è proprio quello che vi ho trovato. E poi ho trovato il sorriso di Julia e i pensieri di Simone Massi in un incontro che aveva il tepore della primavera che sta per arrivare dopo un lungo inverno. Stasera infatti ho incontrato Simone Massi e Julia Gromskaya a Roma per il festival dei film d'animazione Cortoons (vedi sotto il video da La Repubblica.it). Speravamo di incontrarci e allora ci abbiamo provato. In un bar di fronte al Palladium, per quasi un'ora che è invece sembrata un minuto. Mentre parlavamo nelle mani di Simone, per noi (me, Alan e i bambini) un libro: Roma di Edmondo De Amicis. Simone parlava e disegnava, con la naturalezza dell'acqua che va giù da una nuvola. Io avevo con me il bellissimo libro Poesia Bianca in cui Simone ha raccontato la sue storia. Anche su quello ci sono ora gli occhi del bimbo de La memoria dei cani, appena nati sulla pagina bianca. Il li…

I "LIKE" FACEBOOK: FACCIA A FACCIA CON FACEBOOK

Lo uso poco lo uso male lo uso ma non ne abuso. Lo uso senza fuso orario e infatti scrivo all'amico che vive in culo al mondo buonanotte e si sente il gallo in cima alla torre dove entra e scompare la mia frase banale.Facebook c'è chi lo odia e chi lo ama c'è chi crede sia la mela del peccato e chi il serpente che ha ingannato Adamo c'è chi crede che su facebook ci siano veri amicie chi cerca amici veri sui divani circondati da fumo di sigari cubani. Di facebook mi fa paura il silenzio. Paura di fiumi senza suono che corrono e si rompono in rivoli in pensieri vene tagliate desideri. Una banca rapinata. Sono i riquadri piccole cassette di sicurezza aperte senza chiavi. Tutto si prende e tutto si perde. Tutto brilla e poi scompare. Di facebook mi turbano le malattie che alimenta e induce. Schizofrenia agorafobia timore di tornare intero e di incontrare faccia a faccia il Like di ieri sera salito in ascensore voltato però di spalle neanche un cenno a quanto aveva letto e …

IL COLOMBIANO, UN RACCONTO AUTOBIOGRAFICO

Oggi 12 marzo esce
IL COLOMBIANO
in versione audio scaricabile da:www.bandadelracconto.bandcamp.comwww.subterralabel.com IL COLOMBIANO
Il Colombiano. Di adozioni & altre biologie
, di Antonello Ricci (Davide Ghaleb Editore, Vetralla 2011 -www.ghaleb.it/colombiano/01.htm) è una fiaba d’amore. Una storia di padri e figli. Un racconto autobiografico: l’adozione da parte dell’autore, nel maggio 2004, del suo secondo figlio, Juanco (Juan José).
Il Colombiano
è un elogio del seme bastardo. Un nudo inno alla bellezza della vita.
Il Colombiano
è pure fantasia horror, dichiarazione d’amore a Medellìn, città «funesta e aerea» che i Colombiani stessi considerano la Napoli di Colombia.
Il Colombiano
è un racconto in versi illustrato da Lorenzo Ricci.
A differenza dei precedenti lavori portati in scena dalla Banda del Racconto, Il Colombiano è anche e soprattutto un concerto-reading. Con Alfonso Prota in cabina di regia. E la musica dei MYLIAC che asseconda e innerva tutta la performance, dal dolce avv…

UNA FORMICA DI NOME GRETA

Sotto il tavololo sapeva anche la sedia
per tutto l'inverno lo vedeva anche il forno
viveva notte e giorno una formica di nome
Greta
anche stasera a cena la solita mollichina
mi ha detto parto vado in giardino
è nato il prato perfino un fiore
è andata via senza rumore
a me ha spezzato un poco il cuore. (g.i.)

100 STORIE PER QUANDO E' TROPPO TARDI

ECCOLO! Lo sapete Amici di Letture che parlo solo dei libri che leggo e che mi interessano. Ve lo consiglio perché è una bomba, le storie sono davvero bellissime (e poi chi mi conosce può cercare di scoprire quale sia la mia! )

100 storie per quando è troppo tardi



AutoreA cura della Scuola HoldenPrezzoE 10,00Paginep. 128Data di pubblicazione7 marzo 2012EditoreFeltrinelliCollanaSave the Parents

Con racconti di Andrea Camilleri, Stefano Benni, Cristiano Cavina, Lella Costa, Sandro Veronesi, Davide Longo e altri.

Prefazione di Alessandro Baricco
Consultate questo libro e scoprite la collaudata efficacia di quelle che chiameremo Storie per quando è troppo tardi. L’idea di fondo è semplice: il vostro bambino vuole la storia? Dategliela. Ma corta. Lui vince e voi non perdete. Tutti contenti.

Storie e altri mezzi di soccorso per mettere in salvo genitori sprovveduti che pensavano che crescere un figlio fosse tutto sommato una passeggiata.
Save the Parents è una collana di libri che potrebbero semb…

ROMA PER ROMA

Presentazione al pubblico dell’antologia Roma per Roma e mostra delle fotografie pubblicate all’interno del volume. A cura di Simona Mastropaolo
Autori finalisti: anastasià anna aleksandrova, barbara amoroso, enrica arditi, francesca attiani, gian mario bachetti, sabrina balbinetti, maurizio ballerini, patrizia berlicchi, renato bernardone, maria cristina biasoli, angelo brasi, lorenzo carbone, patrizia ceccarelli, iunio marcello clementi, antonio contoli, valeria corsi, silvia de angelis, antonio del santo, alessandra durante, marco fazio, alessia ferraroni, alessandra giannitelli, aldo giordanino, gianluca giuliani,giovanna iorio, enrico mancini, roberto marzano, massimiliano mirri, adelmo monachese, tiziana monari, azzurra pacces, maria paolocà, andrea pastore, giorgia pierotti, filippo pirro, davide potente, claudio rampin, federica ribis, ennio rossi, rita sacchetti, franca sicari, alessandra spadoni, massimo supino, ilaria tassini, angela maria tiberi

STUPORE

http://lafatacentenaria.blogspot.com/2011/01/la-teiera-volante.html
Non mi sono sorpresaa vedere la rosa fiorire nel vaso dimenticato
non mi sono sorpresa quando una sola candela ha scaldato la stanza
non mi sono sorpresa a sentire la voce dell'acqua nella teiera
le sue goccioline mi accarezzavano il viso e il palato
non mi sono sorpresa quando la sera si è fermata sulla soglia
aveva il viso arrossato di una bambina come se la corsa del sole dietro alle case avesse lasciato una traccia sulle sue guance
prima di entrare nel buio
sei tu che mi hai parlato per primo dello stupore
sei tu che mi hai insegnato a restare muta davanti alle cose
un attimo prima che la luce le accenda per noi.