Passa ai contenuti principali

SCIARPETTA ROSSA

Illustrazione di Paolo Domeniconi


SCIARPETTA ROSSA

di Giovanna Iorio

C’era una volta un cucciolo di lupo che viveva insieme alla madre tra le vette dorate del Gran Paradiso. Era una lupetta curiosa e vivace. Si allontanava sempre dalla tana e si divertiva ad esplorare il bosco. Un giorno lupetta trovò, arrotolata ad un ramo, una sciarpa di lana rossa. Ritornò saltellando da sua madre con quel caldo trofeo intorno al collo e da quel momento tutti la chiamarono Sciarpetta Rossa.

Un giorno la madre di Sciarpetta Rossa chiese a sua figlia di andare fino alla vetta più alta del Gran Paradiso. Lassù, in una piccola tana tra le rocce, viveva la vecchia nonna di Sciarpetta Rossa. Debole e malata aveva bisogno di erbe mediche e dolci ululati.

Sciarpetta Rossa salutò sua madre e si diresse verso la cima del monte. “Attenta all’Uomo!”, le raccomandò la madre mentre diventava un puntino rosso tra le vette bianche.

Mai Sciarpetta Rossa aveva visto tanti fiori e farfalle variopinte. Dopo qulche ora si fermò in un prato verdissimo . Dietro la macchia di alberelli esili e giovani scoprì il tetto di uno chalet. “Rifugio dell’alpinista” diceva la scritta nera sul legno azzurro.

Sciarpetta Rossa aveva fame. Dal camino del rifugio saliva un pennacchio di fumo incoraggiante e l’odore invitante di una minestra.

Si avvicinò fino a sbattere il muso sul vetro. Dentro al rifugio c’erano tavole apparecchiate e tante persone sedute a mangiare. C’era molto rumore. Restò a guardare il banchetto per un po’. Avanzò fino all’uscio e infine entrò. All’improvviso tutti smisero di ridere, mangiare e parlare. Lo stupore fermò la stanza. Anche il fuoco nel camino smise di scoppiettare.

Solo una bambina, di otto anni, dagli occhi verdi e vivaci si alzò andandole incontro: “Salve sciarpetta rossa. Grazie! L’hai trovata?”.

Sciarpetta Rossa indietreggiò meravigliata. Come faceva a sapere il suo nome? E così le annusò la mano quando, davanti ai presenti esterrefatti, la bambina le porse il suo pezzo di pane e formaggio.

La lupacchiotta assaggiò il formaggio ringraziando con un mugolio di gratitudine. Quando la porta si chiuse alle spalle vide che un uomo stava cercando di metterla un guinzaglio al collo. Con un balzo la bambina corse ad aprire la finestra e così Sciarpetta Rossa scappò via.

Quella sera, accanto alla nonna malata, in cima al Gran Paradiso, Sciarpetta Rossa ripensò con paura e dolcezza all’incontro con la bambina dagli occhi verdi. Capì che la sciarpa che aveva trovato era la sua. E mentre la nonna riposava con il petto ansante e gli occhi chiusi, sentì in un sussurro la solita frase: “Attenta all’Uomo”.

La nonna guarì e Sciarpetta Rossa scese di nuovo a valle. Sulla via del ritorno si fermò a legare la sciarpa al ramo dell’albero più vicino al rifugio. “Grazie” sembrava dicesse sventolando mentre si allontanava e Sciarpetta Rossa tornava libera e veloce verso casa.

Commenti

  1. Questa favola ha partecipato al concorso Lupus in Fabula...in palio c'era una settimana in (Gran) Paradiso, allora ho fatto del mio meglio ;) ma niente, non ho vinto! :( ora però posso almeno farvela leggere! :)
    W la piccola lupetta Sciarpetta Rossa, nata per il Gran Paradiso...ora è vagabonda e felice nel web...

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…