Passa ai contenuti principali

L'ULTIMO TRAMONTO DI UN GIOVANE POETA


Un ritratto di Antonio D'Alessio dal blog Farapoesia


Poesie da La sede dell'estro di Antonio D'Alessio, Edizioni G.C. "F. Guarini"
[27 febbraio 1976-9 settembre 2008]


"COSA
FACCIO
CON I
PIEDI
PER
TERRA"

***
Mi ritrovo da solo nei miei
stretti pantaloni
cercando un
mondo di gente
diversa
(da quella che...)

***
Sono stanco,
sono stanco come
un bambino dopo aver fatto
i primi passi,
sono stanco di questo
tratto di vita e attimo
giornaliero di riflessione;
la mia stanchezza
passava tra le gambe di
una donna e
l'amore che ho donato
è stato lungo
cammino pieno d'esperienza.
Adesso ho i piedi
e il cuore che mi fanno
male.

***
Alla vita sorriderò sempre
anche se non per tutto;
ma non so se sorriderò alla
mia morte

***
L'ultimo tramonto
Mi sveltisco nei momenti
mi presto a godere;
inizio a scrivere
Qui è tutto,
tutto, e com'è;
è quotidiano.
Scruto, e
sono in volo,
cerco e è lì:
è andato,
e via, vado.

***





Alle radici del tramonto

Leggendo le Poesie Ritrovate di Antonio D’Alessio

una pagina di Emilia Dente



E’ una esperienza meravigliosa il canto roco e dolce di Antonio .

E’ l’inabissarsi profondo nel Sé personale e nel Sé collettivo dell’essere che, ancorato al sogno

dell’orizzonte, tenta faticosamente di alzarsi in volo.

Nelle spigolose pieghe dei versi fluidi si riflette il Poeta e nel prisma ombrato delle parole si delinea la sagoma del “Guerriero/ (che) è sempre pronto a combattere/ Questa guerra quotidiana”, fermamente consapevole che “si muore senz’anima /…./ nello spirito di chi/ non inizia a combattere/ con se”… Antonio questa guerra interiore non esita ad affrontarla e, pur non negando mai il timore, l’amarezza e la fatica del cammino, assetato di verità, attraversa se stesso, in uno sforzo introspettivo che lo induce a scavare, scrutare, osservare, leggere, comprendere, esternare sul retro di una pagina sgualcita le proprie emozioni e infine disvelare le radici dell’essere per poter gemmare novellamente nei vicoli della scrittura poetica. Luminoso ed evanescente un verso sostiene sottilmente la trama di questa seconda raccolta poetica , un sussurro lirico che diviene principio e termine ultimo dell’esistenza autentica e dell’autentico cammino “…sei lì che reclami la mia assenza: /dove credi che sia ;/ nel concepimento della mia presenza”…il concepimento della presenza… folgorante ed immensa l’architettura concettuale e semantica del pensiero , potentemente audace il respiro infinito che racchiude, ancestrale bisogno di vita e conoscenza dell’essere a cui non basta “essere creato”, ma che anela a “crearsi”, a generare il Sé misterioso che si agita nella carne e nella mente, l’Io oscuro e vero che smania nelle strette vesti che forzatamente indossa - … non aspetto altro che svestirmi…rivelava il Poeta all’inizio del cammino lirico…- .. Nella “ consapevolezza dell’incompletezza”, nel disincanto e nella incongruenza dei “pezzi di pasol/ che non hanno incastri/ perché non sono sempre gli stessi, Antonio combatte la sua guerra interiore, la lotta che, per lui “s’evolve da una vita” e segna, nelle righe di un foglio riflesso, le linee tortuose che si aggrovigliano intorno all’esistenza.

Ha il volto della Verità, la poesia di Antonio, e nel coraggio degli occhi azzurro mare sempre limpidi e sempre aperti affondano le radici del tramonto dove la speranza di continuità è un pasto quotidiano e il Poeta, con i pugni stretti, scrive la Vita .


Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…