AUGURI ROMA, AUGURI AMICI DI LETTURE

Palazzo di Giustizia "Palazzaccio", Roma
foto di G. Iorio

Cambiamo lo sfondo del blog e voltiamo pagina. Ci lasciamo alle spalle il cielo stellato e i suoi misteri, i buchi neri, le galassie, i lontanissimi soli che riscaldano sconosciuti pianeti. E luminosa appare un'immagine di Roma. In questi anni di scritture sul blog ho imparato a raccontarvi la "mia" città. Dopo anni mi sono finalmente innamorata di Roma, della sua bocca larga e chiassosa, delle sue infinite contraddizioni, delle sue meraviglie sempre pronte a consolare, del suo sole eterno sulle eterne pietre, dei suoi fiumi di macchine prevedibili tutte le volte che vanno al mare e in montagna, dei suoi inaspettati singhiozzi quando il dolore incalza nelle piazze enormi.
Roma, dove sono nati i miei figli e dove la mattina i fumi di gas di scarico e i caffé aiutano ad andare avanti, o meglio a correre avanti.
Ma cosa c'è "avanti"? Ce lo chiediamo tutti in questi momenti di incertezza, mentre il Governo parla di manovra salvaitalia e cinture sempre più strette. Avanti ci sono ancora i nostri sogni?Ogni giorno un sogno resta schiacciato sotto qualche macigno venuto giù dalla cima di questa enorme montagna fatta di parole, promesse, ingiustizie e potere. E ogni giorno ci tocca sognare di meno, come se il lavoro più faticoso non sia svegliarsi ma andare a dormire la sera.
Diventa sempre più lunga e tormentata la sera.
La mia speranza per il 2012 è che tutti ritrovino la serenità.Purtroppo sappiamo già i limiti della parola "tutti".... in realtà significa "alcuni", "pochi"... Io spero che il 2012 sia l'anno delle persone oneste, delle persone pulite. Spero che i loro sogni si realizzino. Spero che siano i più sereni, quelli felici la sera. Agli altri auguro di raccogliere quello che hanno seminato...e se vi fosse giustizia vera, di restituire quello che non hanno meritato.
Buon anno a tutti!

Commenti

Post più popolari