Passa ai contenuti principali

LA MANO ROSSA


Donatella Baruzzi “Mano 27 I" copertina del catalogo Naturarte 2011


LA MANO ROSSA
di Giovanna Iorio

Seguendo per un tratto

i solchi rossi

mi ritrovai altrove

laddove non c'era



voce o silenzio

soltanto cammino perpetuo

di pelle liscia.



Seguendo per un tratto

sentieri lievi

mi ritrovai di fronte

ad un bambino



la mano infilata

nel covo di un serpente velenoso

guardavo con grande stupore

il lupo dimorare insieme all'agnello

il leone cibarsi di paglia



la mano frugare nel buio

la mano tesa verso il mare

la mano aperta sul cuore



e una canna spezzata

che penetra e fora

il sogno.


(g.i.)




Il mio incontro con Donatella Baruzzi è un incontro nel web. Io e Donatella ci incontriamo grazie alle parole e alle immagini. Alle parole del mio blog, e in particolare alle parole di Pier Paolo Pasolini (in particolare il suo racconto inedito Terracina pubblicato nel blog qualche mese fa) e alle immagini che l'artista milanese ha creato per una delle sue istallazioni nella splendida cornice di Sorrento. Da quel momento io e Donatella siamo entrate in contatto. Sembra che si tratti di un "caso di sincronicità junghiana" ossia quando si attivano tutte quelle coincidenze che risvegliano dei bisogni latenti o meno e li soddisfano (cito l'amico junghiano di Donatella, Guglielmo Andrea Costa).

Ecco quello che stiamo preparando: Donatella il catalogo delle sue opere, tutte dedicate alla mano; io la scrittura dei testi per completare quel percorso complesso che è la creazione. Per le poesie ho trovato riferimenti letterari al simbolo della mano. La prima opera\poesia che vi proponiamo è La Mano Rossa. Nella poesia un riferimento al testo del profeta Isaia (Bibbia- Isaia 11:8 Il lattante si trastullerà sul buco dell’aspide, e il divezzato stenderà la mano sul covo del basilisco)

Su questo blog, in anteprima, le opere del catalogo di Donatella Baruzzi e i miei testi. Alla prossima mano!

______________

Donatella Baruzzi
Nata Milano, fin dai primi anni di vita frequenta lo studio di pittura del padre lì assimila il gusto per la gestualità del fare arte. Ama scoprire le forme che le mani modellano nel dialogo con la materia e sentire la resistenza e il fluire dei movimenti, vedere il susseguirsi delle sensazioni, ascoltarle e ritrovare in esse in una sorta di esperienza alchemica nel rapporto tra materia e psiche.

Diplomata in Decorazione all'Accademia di Brera con la tesi “Lo zen nell’arte occidentale” esplora le influenze che l’estetica estremorientale ha avuto in occidente.

Per un intero decennio ha vissuto il fascino dell’oriente e nei suoi lavori si è riflesso l’influsso di questa esperienza, nel colore delle installazioni che ha realizzato con ricami di soli fiori freschi, nei lavori di grafica e di pittura inerenti alla cultura Indiana.

Nel ’90 volge il suo interesse verso un motivo ramificato per rappresentare le radici e gli alberi della vita, una sorta di labirinto, metafora di un percorso d’individuazione e il confronto con la realtà che più le appartiene, quella occidentale e le prime mostre.

_____________________________________________________________________________________

Le opere per NATURARTE (rassegna annuale sul territorio Lodigiano giunta alla quattordicesima edizione) si inseriscono nelle immagini sulla natura, i soggetti sono ispirati agli ”Orti d’artista” e “Orti di pace” realizzati per ARTE DA MANGIARE&MANGIARE ARTE (Associazione culturale dove gli Artisti indagano le tematiche dell’Ambiente e dell’Alimentazione)
“Orto di pace” è un terreno sia mentale che ambientale, il suo fondamento è il tipo di energia a cui attinge, qui è nato il collegamento con la mano come strumento di energia positiva che può creare orti di pace.
La mano caratterizza il tipo di legame che si sviluppa con gli elementi animati e inanimati, attraverso le mani realizziamo il nostro pensiero, per questo le mani hanno una parte importante nella vita del mondo.

La porta d’artista rimane nella collezione d’arte contemporanea di Nocelle

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…