Passa ai contenuti principali

IL MARE, IL CERVO E IL FUOCO


Gandalf il grigio- incendio doloso


Il cervo morto, Monte Cocuzzo, Cosenza

Da dove comincio. Dalle fiamme. Dal rumore del fuoco che distrugge nel cuore della notte la nostra piccola Opel Corsa che i bambini avevano battezzato Gandalf il grigio.
In Calabria, dove il mare è sporco perché la criminalità vuole così, alle tre del mattino ci hanno incendiato la nostra piccola macchina. Nell'auto i due seggiolini dei bambini, i giocattoli, album colorati, nello stereo un Cd dei Cold Play. Incendio doloso. Forse il gioco di qualche ragazzino annoiato. "Ragazzate!". Io spero un errore.
Ora siamo di nuovo a Roma. Senza macchina. Siamo tornati in treno con le tartarughine Pongo e Peggy in una vaschetta di fortuna e i peluches nella borsa del mare. Gandalf il grigio è un relitto tra le carcasse di uno sfascia-carrozze di Paola (in provincia di Cosenza). Un luogo irreale anche quello, come tutta la faccenda, ai piedi della montagna sotto un ponte nascosto da dune di sabbia. Laggiù - ci ha raccontato un uomo che ci lavora e di notte aspetta che lo chiamino per recuperare quello che resta di un incidente o un rogo - ci sono anche i fantasmi: criminali freddati con un colpo alla nuca nella loro bella automobile nuova, resti di macchine bruciate da piccoli criminali, lamiere di motorini lanciati a tutta velocità sul lungomare nella notte vuota dell'estate calabrese.
La nostra estate finisce così. Quacuno ci consola dicendo che "finisce bene", perché siamo vivi.
Eppure non eravamo andati in vacanza in Siria o in un paese in guerra. Ma forse non è così. C'è la guerra invisibile delle terre di mafia, dei piccoli deliquenti indisturbati, delle dranghete, dei giri di prostituzione e droga. Insomma le guerre delle terre del Sud.
So che oramai è tardi e non serve più dirlo, ma non era cominciata bene questa vacanza. Sono partita a malincuore. Oramai da anni si arriva in Calabria con il cuore pieno di speranza, puntualmente delusi: si spera di trovare il mare pulito, le spiagge curate, le tracce di un cambiamento. E invece dopo qualche giorno di false illusioni compare la macchia di liquame marrone su tutto il litorale, puntuale dopo le dieci del mattino. Il mare: una vittima silenziosa che mostra a tutti le sue ferite, senza poter far nulla. Quest'anno però si percepiva qualcosa di più drammatico. Non so perché ma al tramonto qualche sera, dalla montagna si allungava un'ombra più nera e più buia. Il presentimento di qualcosa di cattivo e immutabile.
Il male è banale. Me lo ricordavano alcune letture che ho fatto mentre ero sulla spiaggia e guardavo tristemente la danza dei bambini tra le onde sporche: acrobazie di bambini nel liquame. Il male non si spiega. Il male esiste senza una ragione. Forse penserete che sia amareggiata perché non abbiamo più una macchina (e perché ci toccherà comprarne un'altra). In realtà è così... ma sono anche triste- nessuno mai potrà spiegarmi perché provavo tanta tristezza mentre ero in quella terra, nessuno potrà cancellare l'ombra che aleggia su quella terra bellissima e nessuno potrà restituirmi la Calabria della mia infanzia.
Qualche settimana prima che ci incendiassero la macchina (è accaduto la notte tra il 31e il 1 agosto, alle 3 del mattino- hanno usato del liquido infiammabile e hanno appiccato il rogo sotto la finestra dove dormivano i nostri bambini) eravamo andati a fare un picnic sul Monte Cucuzzo. Tra quei boschi pieni di creature silenziose e offese i miei bambini, qualche minuto prima di stendere la tovaglia sul prato, avevano trovato un cervo morto. L'orrore ci aveva fatto correre via, lontano, in un altro punto della montagna ma l'atmosfera leggera e spensierata del picnic era svanita. Presentimento, premonizione o forse soltanto il vero volto di una terra tristemente contraddittoria: la bellezza e l'inferno - Saviano docet.
Affido al mio blog due foto e un video: il cervo morto, i resti di Gandalf dopo le fiamme nel cimitero di Paola, l'onda di mare marrone siano la culla di cenere da cui cominciare a risorgere.



Commenti

  1. Ciao Sono Silvano mi dispiace moltissimo per la vostra disavventura. Non so davvero cosa dire sono senza parole.

    A presto

    Silvano

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…