Passa ai contenuti principali

NUCLEARE, PRO E CONTRO

Alzi la mano chi sa cosa rispondere alla domanda: "Nucleare, si o no?". Basta guardare le immagini che vengono dal Giappone perché anche il più convinto sostenitore del nucleare vacilli. Quegli uomini in tuta e mascherina che vagano tra i fumi della centrale di Fukishima sono minuscoli e indifesi davanti alla tragedia, e per questo eroici. Io credo che il nucleare sia troppo pericoloso, costoso e complesso per costituire la vera risposta all'energia del futuro. Il futuro ha bisogno di "semplicità", di tornare ad un equilibrio con la natura oramai compromesso. Le idee più innovative sono quelle straordinariamente semplici: il vento che produce energia, i pannelli solari. Questo è il futuro. Il Giappone è un Paese che ha al centro del suo corpo efficientissimo un cuore nucleare. Ma l'errore umano è sempre in agguato a indicarci i limiti di quello che abbiamo costruito. Purtroppo quando esplode una centrale nucleare i danni sono incommensurabili e la situazione rischia di sfuggire di mano. Per informarci ho pensato di cercare un po' di titoli sull'argomento nucleare. Ho trovato questi quattro buoni libri, che parlano di aspetti controversi del nucleare. Il primo si chiama "Il nucleare, storia politica dell'energia nucleare" di Bertrand Goldschmidt (Liguori 1986), il secondo "Il nucleare non è la risposta" di Helen Caldicott (Gammarò, 2010), il terzo "Illusione nucleare. I rischi e i falsi miti" di Sergio Zabot, Carlo Monguzzi (Melampo 2008) e l'ultimo "La menzogna nucleare" di Giulietto Chiesa, Guido Cosenza, Luigi Sertorio(Ponte alle Grazie, 2010). Leggiamo e informiamoci, anche in vista del referendum. In giro ci sono pubblicità piuttosto ingannevoli. L'associazione ambientalista Greenpeace lo scorso gennaio lanciò una campagna per replicare con il sarcasmo a quella del Forum a sostegno del ritorno all'atomo. "Quella era una pubblicità scorretta realizzata con i soldi dei contribuenti". Ve la propongo in questo link. A presto!

Commenti

  1. Quello dell'energia è uno dei problemi più seri del mondo (Specialmente quello occidentale ch'è costretto ad importare petrolio). Molti hanno visto nel nucleare la possibilità alternativa al petrolio. Il problema è solo quello di stabilire se il giuoco vale la candela. Ossia se val la pena correre i rischi connessi a tale uso, oppure no. E' appena il caso di precisare che, con la tecnologia attuale, l'energia producibile con il sole e con il vento è estremamente è modesta rispetto a quella necessaria (Prodotta, prevalentemente, col petrolio)... I rischi legati alle centrali nucleari, attualmente, sono molto modesti, a patto che si rispettino alcune condizioni, noti a molti, specialmente dopo la crisi di Fukushima.Gli elementi ostativi alle centrali nucleri (Zone sismiche, vicinanza a centri abitati, distanza adeguata dalle linee costiere,...) sono riportati in un mio vecchio post, al quale ora faccio rimando... In linea di massima le centrali nucleari possono essere considerate sicure; ma, in Italia, è meglio dire di no. Se fai un riscontro ad "escludendum" scoprirai che non esistono siti capaci di soddisfare i requisiti richiesti. E, comunque, le risorse di petrolio, pur limitate, non sono al lumicino. Tutt'altro! Commento scritto di getto ed un pò lungo? Chiedo venia. Un abbraccio. Domus

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…