Passa ai contenuti principali

GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA



Non è un caso, ma una scelta: l’Unesco dal 1999 ha stabilito che il primo giorno di primavera, il 21 marzo, sia la Giornata mondiale della Poesia. Per questa 11/a edizione le motivazioni sono quelle originali: la poesia ha “un ruolo privilegiato nella promozione del dialogo e della comprensione interculturali, della diversità linguistica e culturale, della comunicazione e della pace”. La più importante tra quelle organizzate sotto l’egida della sezione italiana dell’Unesco c’é quella a Roma nella Sala Sinopoli dell’Auditorium dove sono abbinate la celebrazione della Giornata e il 150/o anniversario dell’Unità d’Italia. Si intitola ‘Italia mia’ ed è una ‘Rapsodia poetica risorgimentale’ che vede – con la Banda dell’esercito italiano diretta dal Maestro Fulvio Creux – musiche sinfoniche, operistiche e popolari mixate con i versi dei maggiori poeti italiani poeti che ripercorrono le tappe essenziali, gli snodi cruciali di quell’epoca. Lo stesso giorno alla Camera dei deputati ecco la presentazione di ‘Libroarcobaleno’ (in programma dal 25/6 al 31/7 a Melpignano, Lecce) spazio aperto “ad ogni espressione” e destinato ai giovani talenti. I giovani studenti e artisti under 35 saranno chiamati a scegliere “un poeta di una cultura diversa dalla propria e interpretare i suoi versi con un’opera inedita e originale”. A Vicenza, dal 21 marzo al 27 maggio, la poesia diventerà “una festa del dire e dell’udire”. ‘Dire poesia’ – così si chiama la manifestazione – è un mosaico di incontri, reading e momenti performativi condivisi con il pubblico che vedrà protagonisti alcuni dei nomi più importanti nel panorama poetico italiano e mondiale: da Tahar Ben Jelloun al poeta polacco Adam Zagajewski, a Jacques Roubaud, matematico e poeta francese che sarà a Vicenza con Piergiorgio Odifreddi in uno connubio tra matematica e poesia. Tornerà poi la poesia in lingua spagnola, con il boliviano Juan Ignacio Siles del Valle, ex ministro degli Esteri del Paese andino e autore, tra l’altro, di una documentata biografia di Che Guevara. E ancora lo scrittore e musicista canadese John Akpata, Anne Waldman, poetessa beat americana, il musicista e compositore Ambrose Bye, figlio di Anne Waldman, assieme ad altri ospiti del calibro di Meena Alexander, Fabio Pusterla, Ida Vallerugo. Per la Giornata mondiale della poesia, lo ‘Specchio’ Mondadori dedciherà un nuovo spazio ai giovani poeti emergenti pubblicando quattro delle voci più fresche e interessanti della poesia contemporanea: Fabrizio Bernini con L’apprendimento elementare, Carlo Carabba con Canti dell’abbandono, Alberto Pellegatta con L’ombra della salute e Andrea Ponso con I ferri del mestiere. Grazie al contributo di Montblanc, che sostiene l’iniziativa – spiega la Mondadori – i titoli usciranno in un formato speciale di 32 pagine senza alette e con rilegatura a punto metallico. Ma sarà l’intera collana dello Specchio a cambiare veste grafica e a rinnovarsi nel formato e nei colori. Per inaugurare questo nuovo corso è stato scelto il libro del Premio Nobel Seamus Heaney, Catena umana. L’iniziativa sarà presentata, domani, alla Casa delle Letterature di Roma. Ma sono in programma tante altre manifestazioni: tra le altre quelle previste a Torino e a Trieste, ma anche una ‘Carovana dei versi’ che si snoderà da Roma a Varese con incontri itineranti lungo il percorso. Senza dimenticare una delle maggiori poetesse italiane Alda Merini (nata proprio un 21 marzo…): ad Arcore sarà proiettato un filmato-intervista esclusivo realizzato, pochi mesi prima della scomparsa della poetessa milanese, dalla regista Rai Donatella Baglivo. Al Teatro Carcano di Milano il cantautore Giovanni Nuti, con la partecipazione straordinaria di Lucia Bosé darà vita al recital di poesie e canzoni ‘Una Piccola Ape Furibonda’ dedicato alla Merini e che prende il nome da un suo verso. Ma Milano vedrà anche quel giorno la presentazione della ‘Giornata di poesia tra Francia e Italia al Piccolo Teatro con poeti italiani e francesi.

(articolo di Massimo Lomonaco da www.improntalaquila.org)



Gli eventi organizzati a Roma per la "Giornata mondiale della poesia 2011":

- Sabato 12 marzo 2011, Carovana dei versi (Roma): versi di primavera è un ciclo di incontri itineranti e altrettanto corali con la poesia edita. Nella settima edizione "abrigliasciolta" dedica gli incontri alla diffusione dei libri di poesia pubblicati dalla casa editrice (banda a mano libera-detenuti in azione, Fiori di carta di Sandro Sardella, carovana dei versi e Ellis Island di Robert Viscusi oltre alle pubblicazioni degli autori che in questi sette anni hanno dato vita a "carovana dei versi". Versi di primavera parte il 12 marzo 2010 a Roma, dove diversi autori e diverse case editrici si incontreranno per incrociando la presentazione della raccolta carovana dei versi i “ventun movimenti di poesia” della settima edizione per la Giornata Mondiale della poesia. La conclusione è fissata il 9 aprile con Robert Viscusi (New York) che presenterà il secondo volume del suo Ellis Island, opera in seicentoventiquattro sonetti sulla migrazione italiana verso l'isola delle speranze e delle lacrime. Info: www.abrigliasciolta.it

- Lunedì 21 marzo 2011, Concerto-spettacolo poesia e musica (Roma): sono i versi fulminanti dei nostri più grandi poeti, da Dante a D'Annunzio e la sublime energia poetica di Petrarca, Alfieri, Foscolo, Leopardi, Manzoni, Carducci, Capuana, Rossetti... a rispecchiare con geniale lungimiranza la situazione attuale. Un grande interprete come Cosimo Cinieri fa sentire la loro voce nello spettacolo-concerto Italia mia il 21 marzo 2011 (l'evento più importante dell'Unesco nella Giornata Mondiale della Poesia) presso la Sala Sinopoli dell' Auditorium Parco della Musica di Roma, dando un significativo apporto alle celebrazioni del 150° Anniversario dell'Unità d'Italia. Info: www.irmapalazzo.blogspot.com

- Lunedì 21 marzo 2011; Prendi una Poesia (Roma): anche quest’anno la Biblioteca Nazionale Centrale di Roma partecipa alla Giornata mondiale della poesia, voluta dall’Unesco il 21 marzo, offrendo in dono ai suoi frequentatori una poesia in formato cartolina, da usare come segnalibro, rileggere, conservare come piccolo gadget. Il gesto vuol essere soprattutto un invito a scoprire le suggestioni del messaggio poetico di componimenti scelti a caso, senza un tema o una delimitazione temporale, perché la poesia è universale. Solo la provenienza geografica è omogenea: un invito ad ascoltare le voci di paesi in movimento verso un futuro diverso. Info: www.bncrm.librari.beniculturali.it

- Venerdì 25 marzo 2011; La Poesia È Reale (Roma): presso Bibliocaffè Letterario a Ostiense (via Ostiense 95), inizio ore 18.00 - Ingresso libero. Un ConcertoPoesia con i poeti Cony Ray, Marco Orlandi e Gabriele Peritore per un ritorno Reale della Poesia nella comunicazione sociale. Info: poesiareale.blogspot.com

Commenti

Post popolari in questo blog

ELOGIO DELL'INTELLIGENZA DELL'UOMO

Elogio della scrittura

Ma sopra tutte le invenzioni stupende,
qual eminenza di mente fu quella
di colui che s’immaginò di trovar modo
di comunicare i suoi più reconditi pensieri
a qualsivoglia altra persona, benché distante
per lunghissimo intervallo di luogo e di tempo?
Parlare con quelli che sono nell'Indie,
parlare a quelli che non sono ancora nati né saranno se non di qua a mille e dieci mila anni?
E con quale facilità, con i vari accozzamenti
di venti caratteruzzi sopra una carta. Sia questo il sigillo di tutte le invenzioni umane e la chiusa de' nostri ragionamenti di questo giorno (...)


Galileo Galilei, Dialogo sopra i due massimi sistemi del mondo Tolemaico e Copernicano
Firenze (I giornata, 130)

PASOLINI E IL MARE: TERRACINA, UN RACCONTO INEDITO

Pasolini e Callas in Africa


Terracina
Un racconto inedito
di Pier Paolo Pasolini Nella spiaggia c'era più movimento, ma il mare era sempre immobile, morto.
Si vedevano delle vele arancione al largo, e molti mosconi che si incrociavano vicino alla spiaggia. Lucià avrebbe avuto fantasia di prendersi un moscone, e andar al largo: però era solo, e non era buono a remare. Andò sul molo tutto smantellato e ancora pieno di squarci, nuotando nei punti dove gli squarci interrompevano, finchè giunse in pizzo, sulla piccola rotonda. Si distese sulla pietra con la testa che sporgeva dall'orlo sul mare.
Verde, trasparente e tiepida, l'acqua si gonfiava e si sgonfiava tra le colonne del molo, ora pesante come un blocco di marmo, ora lieve come l'aria. Benché fosse alta già due o tre metri non c'era granello di sabbia che non si potesse distinguere dall'alto della rotonda: ed era una sabbia morbida e pulita , un tappeto meraviglioso per chi potesse vivere sotto acqua. Ogni …

O LENTE LENTE CURRITE NOCTIS EQUI

Ultimo giorno di luglio, ultimo giorno dedicato alla lentezza. Maancora una volta lentezza e velocità sembrano fondersi in un binomio affascinante, proprio come nelle riflessioni di ieri.
Stranamente riscopro, nelle ultime disperate parole di Dr. Faust che cerca inutilmente di fermare il tempo, l'ossimoro della vita: una corsa lenta verso la notte.
Nel Doctor Faust di Christopher Marlowe (1564-1593) apprendiamo che il patto con Lucifero ha dato a Faust la conoscenza ma la sua anima dovrà cadere nelle mani del diavolo e l'ora tanto temuta sta per arrivare:

Ah Faust ,Ora non ti resta che una misera ora da vivere,
E poi dovrai essere dannato in eterno.
Fermatevi, voi sempre rotanti Sfere celesti,
Che il Tempo s'arresti, e la mezzanotte non arrivi mai.
Occhio gentile della natura, risorgi e rendi
Il giorno infinito: o fa che quest'ora sia
Un anno, un mese, una settimana, un giorno normale,
Che Faust possa pentirsi e salvare la sua anima.
O lente, lente currite noctis equi.

L&#…